Conte incassa oggi il voto di fiducia dell’onorevole Occhionero. Muto sta…

lunedì 18 novembre 6:00 - di Francesco Storace

A una deputata del Pd l’onorevole Occhionero ha fatto pena, piangendo tra le sue braccia. Si capisce la prima, pessima la seconda e peggio ancora quelli del suo nuovo partito, Italia Viva, che non buttano niente.

A Catania Renzi ha tenuto la sua convention siciliana ma le cronache locali non riferiscono della presenza o meno della deputata che giusto due settimane fa si è vista sbattere in carcere il suo ex assistente parlamentare Antonello Nicosia (entrambi nella foto). Per mafia.

E oggi la Occhionero darà la fiducia a Conte…

Lei è muta, non dice una parola. Eppure c’e da scommettere che questa deputata – secondo il gip che ha convalidato l’arresto di Nicosia incredibilmente superficiale oppure collusa – oggi sfilerà sotto il presidente Fico per votare sì alla fiducia al governo sul decreto per il riordino dei ministeri. I voti non puzzano. Non starà muta, stavolta. Conte ne sarà fiero. Di Maio guarderà in aria. Non come per il caso Siri…

Su Facebook non si hanno tracce della Occhionero dal 4 novembre, il giorno della cattura di Nicosia. E se è così serena non si capisce perché. Ancora prima per quanto riguarda Twitter, mentre l’ultima foto postata su Instagram è quella con il simbolo di Italia Viva…

Il suo capo, Matteo Renzi, a due settimane dai fatti non pronuncia una sola sillaba, esattamente come la capogruppo Boschi, scappata dalle domande del Secolo d’Italia. Per fortuna il papà dell’onorevole Maria Elena è meno focoso di quello della Occhionero – benedetto banchiere… – e non ci ha potuto raggiungere con un bastone in mano come è capitato all’inviato delle Iene che voleva intervistare direttamente l’eccellente protagonista del caso Nicosia.

Finora, da quel che se ne sa in un impressionante clima di omertà da cui non si sottraggono neppure e incredibilmente i Cinquestelle, la deputata renziana ha parlato solo col magistrato. E alla domanda sui precedenti penali di Nicosia – dieci anni per droga – ha risposto che i controlli non li doveva fare lei, ma la Camera dei Deputati, definita “un colabrodo”, stando a quanto riferisce qualche giornale. E Fico, pure Fico, incassa e tace.

Martedì appuntamento serale in commissione antimafia

Eppure, ce ne sarebbero di domande da farle, soprattutto dal punto di vista politico. Sarà costretta a sentirla la Commissione Antimafia, perché Wanda Ferro di Fratelli d’Italia ha ottenuto l’audizione della Occhionero per martedì sera. Così come, su iniziativa di Carolina Varchi, altra deputata di Fdi, sarà ascoltato in settimana in commissione giustizia Basentini per il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria: come diavolo si svolgono i colloqui in carcere con i mafiosi  quando c’è un parlamentare con l’assistente?

Intanto, l’attività politica prosegue, ma in Piemonte, come riferisce il Corriere della Sera, dove la Occhionero ha seguito il suo nuovo leader Renzi fin lassù abbandonando il lontano Molise.

Ma a Catania probabilmente non ce l’ha fatta. In Sicilia senza il fidato Nicosia magari si perde. In due giorni, prima di Natale 2018, andarono assieme a fare un po’ di auguri a chissà chi in carcere, a Sciacca, a Trapani, ad Agrigento. A Catania no, dovessero affidarla alle cure di un altro assistente parlamentare specializzato nei diritti di mafia…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giovanni vuolo 18 novembre 2019

    Queste sono le stesse persone che gridavano il loro no a Berlusconi per le sue vicende giudiziarie ( sulle quali il “puzzo” persecutorius è nauseante). Ora non disdegnano di affratellarsi con una al centro di una indagine per mafia. Signori, ma sapete cos’è la Mafia? Morti ammazzati, anche bambini, famiglie intere cancellate, rapimenti , estorsioni , droga. Davvero u 5S non buttano via niente.

  • Giuseppe Forconi 18 novembre 2019

    A Conte puo’ fregare una mazza, basta ottenere un voto in piu’ per una sfacciata fiducia che non merita. Se poi al governo c’e’ un mafioso o mafiosa, non ha importanza, essenziale e’ ritenere la poltrona. Parlando di mafiosi e spocchiosi, ma quel tizio fioramonti e’ ancora in carica e non e’ stato sbattuto fuori dal governo ? Se si come al solito e’ un’altra delle tante puttanate di questo vergognoso governo.

  • In evidenza