Consigliere comunale di sinistra offende la Meloni: “Sei una z…”. E la Boldrini tace

domenica 3 novembre 11:20 - di Giovanna Taormina
plastica Insulti Meloni

Ancora pesanti insulti contro Giorgia Meloni. Fratelli d’Italia si è astenuta sulla proposta della senatrice a vita Liliana Segre di istituire una commissione di controllo contro odio, razzismo e antisemitismo. E Giorgia Meloni  è stata pesantemente insultata su Facebook dal capogruppo di minoranza del consiglio comunale di Santo Stefano, Roger De Bernardin.  Usa un linguaggio sessista, volgare e offensivo definendola “zoccola”.  I deputati bellunesi di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo e Marco Osnato chiedono subito l’intervento del prefetto di Belluno. Duro anche l’assessore regionale Elena Donazzan: «Inaccettabile. De Bernardin chieda pubblicamente scusa».  Ma come ricostruisce il Gazzettino, De Bernardin non ha risposto. E l’ex sindaco Alessandra Buzzo si è limitata a dire: «Non si risponde all’odio fomentando l’odio».

Insulti alla Meloni, FdI: «Il consigliere comunale di dimetta»

«Ho già attivato il prefetto di Belluno – dice De Carlo al GazzettinoA parte le intollerabili e inaccettabili offese su un tema che come Fratelli d’Italia abbiamo già chiarito, trovo gravissimo che queste vengano da un rappresentante delle istituzioni come un consigliere comunale, seppur di minoranza. Voglio ringraziare tutti quei cittadini di Santo Stefano che lo scorso 26 maggio hanno fatto sì che questa persona non diventasse sindaco. Questa è l’ennesima  dimostrazione dell’intolleranza di quelli che poi a parole si dichiarano i più tolleranti e accoglienti del mondo: dopo averla messa in una foto a testa in giù, rievocando Piazzale Loreto, ora quella stessa parte politica insulta gratuitamente una donna, una mamma e solo infine un personaggio politico come Giorgia Meloni – conclude De Carlo  –  Qualcuno vuole atteggiarsi a paladino della sinistra per avere un po’ di visibilità, ma finisce solamente per mettere in luce  tutto il suo fanatismo». E Laura Boldrini, paladina della battaglia contro gli haters sui social? Al momento tace…

Donazzan: «Fatto gravissimo»

«Una persona così non può sedere in un’istituzione: deve dimettersi subito – prosegue  Osnato – Chi si comporta  in questo modo non può sedere in consiglio comunale: è un comportamento  scandaloso, reiterato e intollerabile per un rappresentante istituzionale. Deve andare via al più presto da un luogo dove il confronto anche duro è sempre ben accetto, ma nei limiti del rispetto delle persone».  Dura anche la Donazzan: «È un fatto gravissimo. È l’ennesima  prova che la sinistra predica bene e razzola male. Vedremo ora se gli intellettuali “de’ noantri” e le donne di sinistra si dissoceranno da questa affermazione come loro stessi avrebbero chiesto a ruoli invertiti».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Remo Balestra 3 novembre 2019

    SOLO UNA PERSONA EDUCATA, RESPONSABILE, MATURA E DI BUON SENSO, EVITA DI RISPONDERE A CERTA SCHIFEZZA UMANA, MA ESSENDO UNA COMUNISTA TUTTO GLI è PERMESSO….MA FINO A QUANDO ????????????????

  • Marcy 3 novembre 2019

    Niente di nuovo , i sinistri sono odiatori seriali infatti odiano a morte gli italiani

  • FASULO Benito 3 novembre 2019

    Credo che ha questi comportamenti,sia molto dificiĺe da qualificare, NON si possono ignorare, ma bisogna lasciarli perdere, per non scendere allo stesso livello responsabile,non so’ di che corrente polica sia questo individuo, spero comunque si dissoci,ESPELLENDO !!!

  • maurizio pinna 3 novembre 2019

    Auspico che i “liberatori” non si fermino agli insulti all’ Italiana Giorgia, ora che hanno una Commissione “McCarthy” promuovano immediatamente una rottura diplomatica con TUTTI i Paesi, non sono pochi, dichiaratamente antisemiti e seminatori di odio razziale, penso a molti Stati Arabi e non solo, altrimenti dove sta la coerenza?

  • In evidenza