Whirlpool, i lavoratori rovinano la festa 5Stelle: “Di Maio ci ha traditi, che si festeggia?” (video)

sabato 12 ottobre 17:06 - di Redazione

Whirlpool, i lavoratori traditi da Di Maio protestano davanti ai cancelli di Italia 5 Stelle. Hanno dei cartelli in cui promettono battaglia: ‘Napoli non molla’. Sono una trentina di lavoratori dello stabilimento di Napoli, che rischia di chiudere i battenti, e hanno rovinato la festa della kermesse grillina che quest’anno celebra il decennale a Napoli. ”Non ci fanno entrare”, lamentano i lavoratori rimasti fuori in segno di protesta, ”i 5 Stelle ci lasciano fuori”. Uno di loro se la prende anche con Luigi Di Maio: ”lo abbiamo osannato quando era al Mise e ora ci lascia qui fuori…”. Qualcuno ritenta di imboccare il cancello, ma non molla il cartello della protesta. Così viene prontamente bloccato da agenti della Digos, che all’Adnkronos spiegano: ”Hanno un presidio, hanno chiesto e gli è stato concesso questo. E’ per questo che sono fuori, dentro non possono. Il ministro Patuanelli ha promesso di riceverli. Così almeno ci hanno detto”.

Whirlpool, i manifestanti contro Di Maio

In un video su Repubblica tv uno dei manifestanti spiega che Di Maio non ha mantenuto le promesse: “Aveva promesso nel decreto ‘salva imprese’ una norma per i lavoratori di pubblica utilità. Siamo qui per ricordargli che ci sono cose più importanti del taglio dei parlamentari e non c’è proprio nulla da festeggiare”.

Whirlpool è la prima della lunga lista delle oltre 150 crisi industriali che l’ex capo del Mise Luigi Di Maio ha lasciato insolute, ereditate ora dal suo collega di partito Stefano Patuanelli.

Secondo Whirlpool gli interventi contenuti del decreto-imprese non sono sufficienti per “garantire la profittabilità dello stabilimento di Napoli”. Il gruppo fa sapere che “i 16,9 milioni di euro previsti dal testo prevedono la messa in solidarietà al 60% della quasi totalità dei 5.500 dipendenti in Italia. Questa non è un’opzione in quanto non in linea con il piano industriale 2019-2021”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza