Tentato femminicidio a Udine: il pregiudicato ghanese era già stato denunciato dall’ex

lunedì 14 Ottobre 16:53 - di Penelope Corrado

Un tentato femminicidio a Udine è passato insolitamente sotto silenzio in queste ore. L’aggressore è un immigrato irregolare, mentre la vittima è una giovane del posto. Una ventenne di Udine è stata accoltellata domenica sera nel pieno centro della città friulana. L’aggressore è un 37enne ghanese, che aveva avuto una relazione con la ragazza. Dopo l’allarme, sono intervenuti subito gli agenti della Questura di Udine, con il personale delle Volanti, e i sanitari del 118.

Un femminicidio pianificato?

L’uomo si chiama Daniel Boadi. È un 37enne cittadino ghanese. Aveva chiesto alla ragazza un incontro chiarificatore dopo una relazione terminata alcuni giorni prima. Dopo una discussione in strada, avrebbe estratto un coltello, colpendo l’ex al collo. Un femminicidio fallito. A quel punto, avrebbe poi rivolto l’arma contro di sè, forse nel tentativo di farla finita.

Sono stati i residenti, sentendo le urla di aiuto, a chiamare il 112. Come riporta il quotidiano Il Gazzettino, all’arrivo delle pattuglie, l’uomo stava bloccando la giovane contro un muro con il coltello insanguinato in mano. La ragazza è riuscita quindi a divincolarsi e a correre incontro agli agenti. L’uomo si è invece accasciato a terra a causa delle ferite che si sarebbe auto inferto. È ora piantonato in ospedale.

Quest’ultimo, a cui era scaduto un precedente permesso di soggiorno, era destinatario di due ordini di espulsione dal territorio nazionale. Era stato denunciato nei giorni scorsi dalla Polizia dopo essere stato trovato in possesso ingiustificato di un altro coltello. La giovane, alcuni giorni prima era andata in commissariato per denunciare il comportamento insistente dell’ex nel tentare di convincerla a tornare insieme. La Polizia aveva avviato gli accertamenti del caso.

La denuncia della ragazza nei giorni scorsi

Gli uomini della Questura, intervenuti sul posto domenica sera, hanno sequestrato l’arma del delitto. Si tratta di un coltello da cucina. Con esso anche i cellulari di entrambi i coinvolti e i vestiti di lui. Boadi risulta inottemperante a due ordini del Questore di allontanamento dallo Stato oltre ad avere un precedente in materia di reati legati agli stupefacenti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *