Straniero dà di matto in una chiesa e distrugge gli arredi sacri: panico ad Arezzo

mercoledì 9 ottobre 16:41 - di Redazione
chiesa

Panico in una chiesa di Pescaiola in provincia di Arezzo. Un cittadino straniero è entrato nella parrocchia di Sant’Agnese, in via Alessandro dal Borro. E in stato di alterazione psico-fisica ha seminato paura, dando in escandescenza. Ha cominciato a distruggere vasi ed oggetti sacri arraffati nella chiesa e scagliati alla rinfusa. L’extracomunitario ha fatto improvvisamente irruzione. Poi, senza alcun motivo, ha riversato la propria furia contro gli arredi sacri. Lo riporta il sito Arezzo notizie.  Sul posto, fuori la chiesa, si sono precipitate due pattuglie della polizia di Stato. Gli agenti hanno bloccato lo straniero mentre stava uscendo dalla chiesa. Ma nulla per ora fa presagire il motivo di tanto furore improvviso.

L’uomo era ancora molto alterato, tanto che gli agenti hanno ritenuto opportuno richiedere l’intervento del personale sanitario del 118. Gli operatori hanno pertanto caricato il soggetto sull’ambulanza per poi trasportarlo in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale San Donato di Arezzo, dove è stato ricoverato.  Del 36enne non è stata resa nota la nazionalità. La Polizia dovrà appurare se ha agito per problemi di natura psichiatrica o per il consumo di stupefacenti. Non è la prima volta che gli stranieri seminano il panico nelle chiese. Spesso rubando le offerte e gli arredi di pregio. Spesso dando in escandescenza in maniera violenta. Roma è una delle città più colpite da furti e violenze nelle chiese, ma anche Genova non scherza.

Questa estate è balzato agli onori delle cronache u parroco che ha inseguito un ladruncolo che aveva rubato 935 euro frutto delle offerte dei fedeli. Era scappato ma il parroco lo ha inseguito e consegnato alla polizia di Stato. Nel caso di Arezzo la follia dello straniero ha complicato l’intervento delle forze dell’ordine.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza