La denuncia dei poliziotti: «Il governo ci ha detto che non ha soldi per noi»

venerdì 25 ottobre 11:26 - di Redazione

In vista c’è un’altra manifestazione. Il malumore degli agenti di polizia è enorme e l’incontro di ieri con il governo non ha migliorato la situazione. ”Negli uffici della Polizia di Stato, nei reparti, nelle questure operano neanche 100 mila unità. E e se andiamo indietro nel tempo l’organico previsto alla fine degli anni ’80 era di 117.200 unità di personale. Ma i reati sono cresciuti e i poliziotti diminuiti quasi del 15 per cento ad oggi considerando che se sono di meno sono anche piu’ anziani. I concorsi che dovrebbero dare una boccata d’ossigeno possono essere un valore aggiunto. Ma per il sistema non è così perché è al collasso da anni e da tempo lo denunciamo. Dall’incontro a Palazzo Chigi solo un pannicello caldo’“. Lo ha dichiarato il segretario nazionale del Mosap, Fabio Conestà dopo l’incontro con il premier Conte e il ministro Lamorgese insieme a tutte le sigle sindacali della Polizia.

Le umiliazioni che il governo impone ai poliziotti

Conestà ricorda inoltre come le lavoratrici e i lavoratori in divisa ”sono umiliati da quasi un decennio di mancati aumenti contrattuali. C’e’ bisogno di risorse per aumentare lo stipendio dignitosamente e garantire il pagamento delle indennita’ accessorie”. Conestà ha annunciato la presenza del Mosap alla mobilitazione nazionale del 29 ottobre davanti Montecitorio, dopo quella già svolta nei giorni scorsi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza