Il Conte 2 sconfessa il Conte 1: via la flat tax per i redditi da 65mila a 100mila euro

mercoledì 16 ottobre 15:31 - di Redazione
Flat tax

Flat tax, addio. È questo il primo “regalo” delle “quattro sinistre” a lavoratori autonomi, professionisti e partite Iva. Per loro una vera doccia fredda all’insegna della discontinuità tra due governi, quello giallo-verde e l’attuale giallo-rosso, entrambi a guida Conte. Contrariamente a quanto  stabilito dalla maggioranza Lega-M5S, dal prossimo 1° gennaio non scatterà più la misura per i lavoratori autonomi con redditi compresi tra i 65mila e 100mila euro. Per limitare abusi, si legge nel Documento Programmatico di Bilancio che riassume le misure della manovra economica-finanziaria del Conte-bis.

Modificati anche il «regime dei minimi»

Com’era prevedibile, la misura punitiva contro il lavoro autonomo è stata giustificata dal governo con la necessità di contrastare l’evasione fiscale. Una misura, insomma, dettata dalla necessità di limitare possibile abusi nell’applicazione della flat tax . Rivisti anche i parametri del “regime dei minimi” con limiti di spese personale a 20mila euro. Stesso tetto per il limite beni strumentali 20mila euro, regime analitico determinazione reddito, regime premiale fatturazione elettronica, con esclusione per i redditi superiori a 30mila euro. Intervistato da Sky Tg24, il viceministro all’Economia, Antonio Misani, ha così spiegato le principali novità inerenti la flat tax: «Il secondo step della flat tax da 65 mila a 100 mila euro non avrà seguito nella legge di Bilancio. Ci sono anche problemi di mancata comunicazione e autorizzazione da parte della Commissione europea».

Il Pd la flat tax agevola l’evasione fiscale

Il tentativo del governo è fin troppo chiaro: spacciare per correzione l’abolizione delle agevolazioni stabilite dal passato governo in favore del lavoro autonomo evocando abusi. Una vera e proprio beffa se solo si pensa che le agevolazioni oggi cancellate erano state decise dal governo precedente. Entrambi a guida Conte. Sta solo da capire verso quale dei due Giuseppi i contribuenti lanceranno i propri strali: se verso quello che la flat tax l’aveva allargata o quello che l’ha ristretta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza