Fassina ferito: processo mediatico agli agenti. Leu contro il Viminale (video)

mercoledì 2 ottobre 15:08 - di Stefania Campitelli

Fassina ferito. È polemica. Nel mirino l’intervento della polizia, durante il quale il parlamentare di Leu è finito a terra. Ha riportato un trauma toracico. I sindacati chiedono una punizione esemplare per i celerini. E i vertici della sinistra vogliono chiarezza. Intanto la procura di Roma attende l’informativa della Digos e il ministro dell’Interno l’Interno dispone “gli accertamenti del caso”.

Fassina ferito nel parapiglia

«Qualcuno nelle prossime ore dal Viminale dovrà spiegare perché nel 2019 lavoratori che difendono il proprio posto di lavoro siano picchiati dalle Forze dell’Ordine». Nicola Frantoianni passa all’attacco. Non ha dubbi, tutto«si vede chiaramente dai video».  Gli fa eco Nicola Zingaretti che chiede «immediata chiarezza». Il leader del Pd esprime «vicinanza» a lavoratori, sindacalisti, consiglieri e deputati. «Non tollereremo episodi come quello di questa sera», scrivono in una nota i segretari generali di Cgil-Cisl- Uil.

La polizia: non abbiamo caricato

Tutto dipende dai filmati. Tutto avviene davanti al cantiere della metro C in via Tuscolana. Un gruppo di lavoratori, a rischio licenziamento, si radunano. Protestano contro l’azienda Roma Metropolitane per la scelta del Comune di non ricapitalizzare la società.

All’arrivo di un collaboratore dell’assessore capitolino alle Partecipate, Gianni Lemmetti, scattano fischi e proteste. Quando al funzionario viene impedito di entrare nella sede presidiata dai lavoratori, gli agenti intervengono scortandolo. Ne nasce un parapiglia.

Un video dell’agenzia Dire mostra le fasi convulse dell’incidente. «Non lo hanno calpestato le divise», si difendono i poliziotti. E raccontano di aver subito circoscritto Fassina per evitare che si facesse male. Lui – dicono – ripeteva Lo sapete che sono un parlamentare?. Trasportato in ospedale (le dimissioni in serata), l’ex ministro diventa l’icona dello “scontro tra forze dell’ordine e lavoratori”.

Il Viminale chiede accertamenti

Immediata esplode la caccia all’agente. Matteo Orfini chiede «provvedimenti urgenti verso i responsabili». Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, si precipita a chiedere al capo della Polizia Gabrielli di «verificare se l’intervento delle forze di polizia sia stato svolto senza violazioni di legge». Una richiesta che provoca la reazione unanime degli uomini in divisa. Mamma mia – si sarebbe sfogato il segretario di Italia Celere – non ho parole: Lamorgese fa così solo perché è stato coinvolto un parlamentare».

Gli agenti finiti alla sbarra denunciano insulti indescrivibili ricevuti dai manifestanti. «Non abbiamo mai usato la violenza, eravamo disarmati, privi di sfollagente e scudo». Insomma nessuna carica della polizia contro i manifestanti.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • vincenzo randazzo 2 ottobre 2019

    Dal video si evince in modo chiaro che i calpestati sono stati i Poliziotti-

  • In evidenza