Del Debbio stende Toscani: «Fai le fotografie e non rompere le palle» (video)

venerdì 11 ottobre 12:06 - di Adriana De Conto

Si parlava di immigrazione a Dritto e Rovescio. E di criminalità. Tra il conduttore, Paolo Del Debbio, ed Oliviero Toscani, ospite in collegamento su Rete 4, sono scoccate scintille.  Tutto nasce quando il servizio dimostra, numeri alla mano, l’incidenza degli stranieri sui reati in Italia. Il pubblico applaude e Toscani è andato fuori di sè.  Lui è un fan convinto di rom e stranieri. Il pubblico non lo ama, tutt’altro. Il fotografo ha l’insulto facile ed è interventuo a sproposito, dimostrando di non reggere il confronto del pubblico che ha posizioni differenti dalle sue: «Lì c’è un battimani perché sicuramente viene scelta la gente in un certo modo», premette riferendosi a Del Debbio. Non ha neppure il coraggio di riferisi direttamente al conduttore.

Del Debbio a Toscani: «Niente lezioni da te»

Del Debbio a questo punto è esploso. Il conduttore è noto per il suo equilibrio nel mantenere rispetto per tutti gli ospiti e per tutte le posizioni. Quindi non ci sta a fare la parte di uno che “si aggiusta” le trasmissioni con la claque. Tira fuori le unghie: «Lei si occupi di fare le fotografie che la televisione la faccio io: ha capito? Se ci vuol stare, ha rispetto. Se non ci vuol stare buonasera, ha capito?». Lo sfogo del conduttore  fa balbettare Toscani. Preso in contropiede il fotografo farfuglia: «Ecco, appunto. Vi ho aspettato fino adesso, scusa…». Ma Del Debbio è scatenato e va dritto come un treno. L’atteggiamento altezzoso di certi vp radicalchic: “Pensa te se devo avere la lezioncina“. Toscani non molla: “Ti scegli la tua claque“. Del Debbio sferra il colpo di grazia: “Ma vai, ma vai a fare… le fotografie e non rompermi le palle, dai”.

Toscani fu protagonista di insulti irricevibili e irripetibili con Giorgia Meloni. Ce la mette tutta per farsi detestare. come quando difese ad oltranza rom e migranti, dicendo che era meglio essere straniero che italiano. 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 11 ottobre 2019

    Amen!

  • In evidenza