Dazi, le star piangono: dalla mozzarella di De Niro al pecorino di Clooney

giovedì 3 ottobre 16:05 - di Redazione

Dazi, stangata sulle star “ghiotte” di made in Italy. L’amore di Robert De Niro per la mozzarella di bufala (la volle anche nel suo camerino quando fu ospite a Sanremo). I tweet di Madonna sulla pasta italiana con il parmigiano. La passione per il made in Italy enogastronomico di Martin Scorsese. E come non citare George Clooney che si è innamorato del pecorino sardo di Padru mentre girava nell’isola ‘Catch 22’. Nne avrebbe riportati 32 kg a Los Angeles per  farne un business. E ancora, i tanti ristoranti della famiglia di Joe Bastianich che servono solo prodotti rigorosamente ‘made in Italy’.

Dazi, stangata sulle star

Ma il parmigiano si consuma molto anche sui tavoli della ‘Joanne Trattoria‘, aperta dai genitori di Lady Gaga nell’Upper West Side di Manhattan. Qui il padre siciliano propone un menù italo-americano tra spaghetti alla bolognese, lasagna, arancini e caprese. Per non parlare di Danny DeVito che è famoso in America per essere produttore del Limoncello Premium, realizzato esclusivamente con limoni di Sorrento, lavorati in una distilleria nella Penisola Sorrentina per ottenere il miglior risultato. Sono ormai molti anni che i divi americani, imitati dai loro connazionali dell’upper class, preferiscono il prosciutto di Parma o il formaggio italiano accompagnati dai grandi vini della penisola a ostriche e champagne.

Ora, sulle star si abbatterà la ‘stangata’ dei dazi, della nuova black list del dipartimento del Commercio statunitense che entrerà in vigore il 18 ottobre. La lista nera, che porta i dazi Usa al 25% su alcuni prodotti, contiene Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Pecorino e altri prodotti lattiero caseari, prosciutti di suini non domestici (esclusi dop), crostacei, molluschi, agrumi, succhi e liquori. Sono invece salvi dall’impennata dei dazi i prodotti ‘base’ come olio extravergine di oliva, conserve di pomodoro, pasta e vino. Alle star hollywoodiane non resterà che adottare la sempreverde dieta mediterranea.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza