Marcello Veneziani: «Vi spiego perché la sinistra è una cupola»

sabato 7 settembre 18:35 - di Adriana De Conto

«La sinistra è una cupola». Titolo ed incipit dell’articolo di Marcello Veneziani sulla Verità sono da antologia. «La sinistra è un’associazione di stampo mafioso che detiene stabilmente il potere e lo esercita forzando la sovranità popolare, la realtà della vita e gli interessi della gente. Usa metodi mafiosi per eliminare con la rituale accusa di nazifascismo (o in subordine di corruzione) chiunque si opponga al suo potere. Si costituisce in cupola per decidere la spartizione del potere ed eliminare gli avversari, tutti regolarmente ricondotti a Male Assoluto da sradicare e da affidare alle patrie galere o alla gogna del pubblico disprezzo». Lo scrittore, filosofo ed editorialista va giù duro. La sua lettura di questa pagina deteriore di storia politica che stiamo vivendo si collega a un testo illuminante e dimenticato di Panfilo Gentile intitolato «Democrazie mafiose»: libro che, edito dalle Edizioni Volpe, ebbe poi una diffusione capillare dopo che  Montanelli lo elogiò sul Corriere della Sera.

Veneziani: «Ecco il metodo della sinistra»

Il giornalista e polemista Panfilo Gentile circa mezzo secolo fa anticipò con lucidità l’involuzione del sistema democratico e la trasformazione dei partiti in circuiti chiusi e autoreferenziali di stampo mafioso. Se avesse visto quanto sta accadendo oggi – con l’ esproprio del voto fino al disprezzo per la volontà popolare –  si  sarebbe ancora più convinto delle sue analisi. Per Veneziani la sinistra è ua «cupola» perché «si serve delle camorre mediatico-giudiziarie e intellettuali per imporre i suoi codici ideologici per far saltare i verdetti elettorali, per forzare il sentire comune e il senso della realtà, per cancellare e togliere di mezzo chi la pensa in modo differente. E si accorda con altri poteri tecnocratici e finanziari, per garantirsi sostegni e accessi in cambio di servitù e cedimenti: Mafia & Capitale. Metodi incruenti, ma di stampo mafioso -specifica nell’articolo –  e tramite forme paradossali: perché calpesta la democrazia e si definisce democratica, viola le leggi, perfino la Costituzione – sulla tutela della famiglia, sulla difesa dei confini, sul rispetto del popolo sovrano – ma nel nome della legalità e della Costituzione».

«La violenza del lessico della sinistra»

Il termine «Cupola» è forte, indubbiamente, ma Veneziani spiega che il lessico politico disinvolto e fuori misura non è un’invenzione sua, tutt’altro. E’ la sinistra che lo usa come una clava. Per cui l’unico metodo per fronteggare « in modo adeguato la violenza ideologica e propagandistica della sinistra» è rispondere col suo stesso lessico. Del resto, basta leggere come vengono definiti i sovranisti, chi ha a cuore la difesa dei confini, della famiglia, della religione: «È  trattato alla stregua di nipotino di Hitler, di nazista, di razzista. Accuse criminali, ma da parte di chi le rivolge, a vanvera, stabilendo un nesso infame e automatico tra amor patrio e xenofobia, difesa della civiltà e razzismo, amore della famiglia e omofobia», scrive Veneziani sulla Verità. E non dovremmo neanche difenderci di fronte a questi attacchi?, si chiede lo scrittore. E fa l’esempio dell’ «uso mascalzone dell’antifascismo che serve per isolare e interdire il nemico e poi nel nome della democrazia in pericolo per l’incombente minaccia della Bestia Nera, sono consentite le alleanze più ibride, senza limiti…». Sì, per tutto questo è giusto usare l’espressione «la sinistra è ua cupola», Veneziani è convinto: «è giusto alzare il tiro e accusare la sinistra tornata ancora una volta al governo senza passare dalle urne, di essere un’associazione di stampo mafioso, di pensare e agire come una cupola, di calpestare la gente e gli avversari con l’arroganza e la presunzione di essere dalla parte del Giusto da ricordare i più fanatici regimi comunisti… Dal Soviet alla Cupola». Applausi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ottavio Olivero 25 marzo 2020

    Avevo letto e profondamente apprezzato l’inno al 2 giugno di Marcello Veneziani scritto alcuni anni addietro. Quanto distante era da questo articolo quando affermava tra le altre cose :
    “………..L’Italia è il mio popolo e non riesco a fare eccezioni, quelli del nord, quelli del sud, quelli di destra o di sinistra, i cattolici o i laici. Ho preferenze anch’io, ma non riesco ad escludere per partito preso…………”

  • Gaetano Grillo 14 marzo 2020

    Che questa eccelsa penna sia considerata una punta di diamante dell’intellighenzia di destra é divertente e drammatico al tempo stesso. Però fornisce una fotografia accurata dei livelli attuali dell’Arte.

  • Fred 23 ottobre 2019

    … scusate ma mi pare che i linguaggi non siano troppo diversi tra dx e sin a parte che l’una dava dei comunisti a quelli del aPD (non vero viste le disastrose scelte liberiste dei “compagni” nelle ultime recenti tornate elettorali) l l’altra è accusata di fascismo ma non si è mai distaccata dai valori del fascismo ne ha evoluto un pensiero al passo con i tempi…… Nel tutto manca da ambo le parti il tema ambientale che non è percepito come importante (sic!) da entrambi ne premiante dal punto di vista elettorale…

  • Angela carmela 16 ottobre 2019

    Condivido pienamente, tutto quello che ho sempre pensato,, grazie per questo articolo, bisogna farlo girare il più possibile

  • Giovanni Palumbo 12 ottobre 2019

    …..credo che non sia da definire di stampo mafioso, forse potrebbe essere simile alle corporazioni di un tempo, così come lo sono oggi tuti i partiti. Forse la sinistra è più furba, come le è stata l’era berlusconiana che ha demonizzato per circa vent’anni la parola comunista o il comunismo. No. Credo semplicemente che l’attuale sinistra sia semplicemente più furba degli altri, come il capo della Lega, che però non è stato all’altezza di “tanta” furbizia.

  • Arturo Infante 12 ottobre 2019

    L’amor patrio porto alla complicità con la strage di Peteano in cui furono assassinati tre carabinieri?

  • Vittorio Romano Zaccaria 12 ottobre 2019

    Condivido pienamente mi piace molto.
    Finalmente una persona che parla chiaro.

  • silvy 11 ottobre 2019

    io me ne sono convinta anche se non sono all’altezza di dimostrarlo, bravo e grazie per l’articolo

  • vito longo 15 settembre 2019

    bravo e basta giusto e basta chiaro preciso grazie di esistere sig.veneziani

  • Marcello Camici 9 settembre 2019

    Per la sinistra la patria è concetto che ha causato guerre quando col nostro risorgimento il popolo italiano ha conquistato una patria autonoma ed indipendente dopo che “per gran tempo l’Italia fu un vano nome”

  • Cesare 8 settembre 2019

    Era ORA che qualcuno avesse il CORAGGIO di scrivere un articolo così. E bisogna CONTINUARE a scriverne.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza