Le Ong dettano la linea all’Onu e pretendono di imporla al popolo italiano

mercoledì 25 settembre 9:47 - di Francesco Storace

Allacciamo le cinture, che le Ong ormai sono pronte a dettare legge. Di qui a qualche mese conosceremo il giudizio delle Nazioni Unite sul rispetto dei diritti umani in Italia e c’è da giurare che faranno breccia le tesi più estremiste dei trafficanti del mare (e non solo). Il governo degli sconfitti avrà altre munizioni per colpire l’identità del nostro popolo.
Migranti, rom, tortura e tanto altro ancora: tutto fa gioco pur di sovvertire la cultura e la tradizione nazionale.
Tanto per non farci mancare niente, dal Palazzo di Vetro arriverà l’ordine di istituire la commissione nazionale indipendente per i diritti umani. Ovvero, l’Italia trattata come un Paese del terzo o quarto mondo su gentile richiesta delle Ong.

Poliziotti e carabinieri nel mirino delle Ong

Scrive Francesca Mandelli sul sito glistatigenerali.com che “le ragioni per cui non è stata ancora creata sono opposte: c’è chi dice che la Commissione non serve, e chi invece ha paura che serva. Da un lato si dice che è uno spreco di soldi, con altre poltrone da occupare, dall’altro, invece, se poi questa commissione o authority funziona davvero spaventa. L’Italia però si è data l’obbligo di averlo tale strumento. Un organo distante dal governo e dai partiti, che possa analizzare la situazione dei diritti umani, serve certamente. Abbiamo il Garante dei diritti delle persone private delle libertà personali ma non basta, non è la stessa cosa”.
Insomma, dobbiamo farci male da soli. Immancabile la richiesta di modifica di una legge approvata poco più di un anno fa, la 110 del 2017, quella che ha introdotto il reato di tortura in Italia, in modo da colpire con più vigore poliziotti e carabinieri a gentile richiesta di qualunque delinquente.

E’ razzismo se le case popolari vanno agli italiani (e nemmeno avviene)

L’obiettivo dei nemici delle nostre forze dell’ordine è inasprire ancora di più ogni genere di sanzione. Non poteva essere ovviamente dimenticata la pretesa di identificare gli agenti, magari attraverso codici numerici su caschi e divise. Così si potrà favorire al meglio la vendetta delle bande criminali.
Tanto per capire che razza di polpetta viene cucinata nella mensa delle Nazioni Unite dai vivandieri delle Ong che lavorano ai dossier contro l’Italia, c’è ovviamente il capitolo immigrazione. Modificare, sospendere, stracciare i decreti sicurezza, per continuare a fare quello che vogliono.
Non è finita. All’Onu si dovranno occupare perfino di emergenza abitativa, per stabilire che è segregazione razziale prevedere che le case popolari vadano prima ai nostri connazionali, e nemmeno avviene. Poveri Rom, potremmo aggiungere.
Non poteva sfuggire all’attenzione di Amnesty internazional, delle Ong e di tutti quelli che sbarcano il lunario in questa maniera, il richiamo politico a priorità tipiche della sinistra più o meno estrema, più o meno grillina. Avanti con lo ius soli. Impedire l’uso dei Taser da parte della polizia. E ovviamente la necessaria legge contro l’omo-bi-transfobia (letterale).
Domanda: possiamo sapere quanto diamo alle Nazioni Unite per farci scaraventare addosso i rapporti confezionati dalle Ong? E’ possibile reclamare un po’ di dignità da parte di chi governa l’Italia e da chi la rappresenta in quel consesso? Perché è intollerabile farci prendere a schiaffi da tutto il mondo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • silvano 25 settembre 2019

    Un poco più di amor patrio no?

  • Giuseppe Forconi 25 settembre 2019

    L’ONU, organismo che e’ stato utile subito dopo il WWII, diciamo fino agli anni 60, ma poi ha cominciato ad interferire nei problemi interni di svariati Paesi tralasciando quelli gravi che hanno da sempre afflitto l’Africa dittatoriale e le lotte medio orientali. Ora esaurita la fiducia mondiale, si arrabattano , rompendo le scatole all’Italia sulla sfacciata richiesta di quattro negrieri delle ONG.Ma dietro a loro avete una idea di chi controlla il tutto? Il caro bastardone incartapecorito di soros che vuole a tutti i costi convertire l’Italia nel campo profughi dell’intera Africa. Quello che e’ peggio, che i nostri cari governanti comunisti e leccaculi rimangono zitti , sordi e ciechi. Sicuramente gliene viene in tasca una buona mazzetta di verdoni USA, dato che dobbiamo lasciare i Rubli a Salvini, bastardi.

  • Giuseppe Forconi 25 settembre 2019

    Ecco l’ultima pedine dello scacchiere del buon vivere, ora anche l’ONU si dilettera’ a pulirsi le scarpe sul nostro territorio per ordine di una manciata di bastardi e ladri organizzati, nonche’ sfruttatori degli essere umani (sicuramente a proprio tornaconto), ma l’ONU , che non guarda oltre la punta del proprio naso, appoggera’ le ONG. Ma dietro a questo macabro scenario ci sono le sudice unghie di Soros, che d’accordo con tutti i radicali comunisti europei vuole assolutamente che l’Italia scompaia dalla faccia del Mediterraneo magari sotto una nuova bandiera del Ghana o della Nigeria. Mi chiedo….. e noi ( quei pochi rimasti veri italiani ) cosa dovremmo fare ??? Armarci e combattere ? Forse, ma se questa sara’ la soluzione, correra’ nuovamente molto sangue, grazie all’ignoranza e ad leccaculismo dei nostri governanti ( non voluti e non votati).

  • maurizio pinna 25 settembre 2019

    Dalla sua nascita l’ONU vanta il triste primato di non aver mai risolto alcunchè, sfido chiunque a trovare un solo conflitto che l’ONU abbia mai risolto. Peraltro è la casa comune dell’internazionale comunista. Non fa nulla sui casi concreti, laddove occorre competenza, perchè sono degli incompetenti, in quanto composti da personaggi che devono possedere un solo requisito:essere di sinistra. Sguazzano invece su argomenti fumosi e vaghi come i diritti umani, dove la scienza diventa incoscienza, dove la parola Patria diviene luogo comune, annientata , svillaneggiata, violentata da codesti pasticcioni che sanno solo negare e calunniare.Naturalmente indirizzati e supportati dai nostri inetti affiliati.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica