Insultato su WhatsApp, va sul campo di calcetto e spara a un giocatore con una calibro 7,65

giovedì 12 settembre 12:06 - di Redazione

Ha cercato di ucciderlo, davanti a tutti. Era stato insultato sul gruppo WhatsApp del calcetto, un 48enne. È andato allo stadio e ha sparato contro un giocatore. Nella notte è stato poi raggiunto da un  fermo per tentato omicidio eseguito dai carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Casal di Principe. L’uomo ha precedenti penali per reati contro il patrimonio.

Che cosa è avvenuto sul campo di calcetto

Sono stati momenti di forte tensione e paura. All’interno di un campo di calcetto di San Cipriano d’Aversa, (Caserta)  il 48enne ha sparato a Pietro Della Corte, 40 anni di Casal di Principe, mentre giocava a calcio. L’ha colpito all’addome con un colpo di pistola calibro 7.65 con matricola abrasa.  La vittima è stata subito trasportata d’urgenza alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno e la prognosi è ancora riservata.

Il movente del grave ferimento sarebbe legato a una vendetta personale per alcune frasi diffamatorie nei confronti dell’uomo dette sulla chat del gruppo calcistico pronunciate da Pa.Ma., 38enne di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), che era il vero  obiettivo dell’agguato a cui è scampato grazie all’intervento di Della Corte. Il 48enne è stato arrestato nella notte ed è  associato presso casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere per tentato omicidio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza