Grillo bastona Di Maio e corteggia i giovani del Pd. Zingaretti: mai dire mai… (video)

domenica 1 settembre 10:58 - di Chiara Volpi

Dialogano a distanza, Beppe Grillo e Nicola Zingaretti: e i toni sono rassicuranti per loro. Di più: sottendono ad un accordo che punta senza mezzi termini all’inciucio. Addirittura scavalcando delfini e comprimari. Così, se da un parte il padre nobile del M5S striglia Di Maio e i suoi a non ricercare solo incarichi e poltrone, a non seguire solo elenchi e diktat che potrebbero pregiudicare l’intesa per un governo giallorosso, e va a rivolgersi direttamente ai giovani dem; dall’altro il segretario del Pd ammicca al leader dei movimentisti, aprendo in un tweet più che uno spiraglio all’accordo con un significativo: «Caro Beppe Grillo, mai dire mai nella vita. Cambiamo tutto e rispettiamoci gli uni con gli altri». È il tweet con cui Nicola Zingaretti, segretario del Pd, risponde all’appello lanciato da Beppe Grillo (video da Youtube postato in basso).

Grillo e Zingaretti, il dialogo a distanza ri-spalanca la porta all’inciucio

Proprio così, il fondatore del M5S, posta sul blog a cinque stelle il video appello rivolto ai giovani dem – è il vostro momento, dichiara apertamente – e un istante dopo aver disarcionato l’alfiere a Giggino, a sua detta incastrato in logiche partitiche e di poltronificio, rivolgendosi «al Pd, alla base dei ragazzi del Pd: siate contenti – esorta il comico genovese – abbiamo un’occasione unica che non si riproporrà più così». Poi, dopo l’esaltazione di rito, sempre nello stesso video Grillo elenca le sue priorità, il suo elenco in punti seguendo il quale, a sua detta, dovranno «cambiare tutte le tecnologie, per la casa, l’acqua, la sanità, abbassare il consumo eneregetico, passare dalle 40 ore alle 20 ore settimanali…».  Ed è proprio a questo punto che arriva l’invito al Pd – «Cerchiamo di compattare i pensieri, di sognare a dieci anni…che tipo di società vogliamo…» – e l’invettiva contro i suoi per la «mancanza di euforia» inficiata dall’ossessione per incarichi e nomine. E qui il riferimento a Di Maio è netto e chiaro a tutti: il leader grillino, infatti, secondo inidscrezioni e rumors trapelati tra gli altri sull’Huffington Post, non sarebbe disposto a cedere sul doppio incarico: «Per sé vuole sia la vice presidenza del Consiglio sia un ministero di peso, come il Viminale o la Difesa». Una richiesta che Zingaretti e compagni continuano a non volergli accordare, pur aprendo Zingaretti ancora una volta la porta all’inciucio con quel «mai dire mai» che dice tutto. Anche di più…

In basso, l’appello di Grillo ai giovani del Pd in un video postato ieri su Youtube

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 2 settembre 2019

    Eccolo, Mangiafuoco!

  • Claudio 1 settembre 2019

    Da un buffone è in bocca il futuro italiano… Domandate ai genovesi che ne pensano di grillo…

  • In evidenza

    contatore di accessi