Di Maio cita il generale Dalla Chiesa. Il web insorge: “Non sei degno di nominarlo”

martedì 3 settembre 18:56 - di Giovanni Pasero

Con raro sprezzo del ridicolo, Luigi Di Maio ha ricordato la morte del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa con una frase improvvida sui Social. Il risultato? Una valanga di critiche (e di insulti).

 

Questo il post pubblicato su Facebook e condiviso anche su Twitter.  «Finché una tessera di partito conterà più dello Stato, non riusciremo mai a battere la mafia”. Nel ricordo di figure come il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, Emanuela Setti Carraro e Domenico Russo, uccisi 37 anni fa da Cosa Nostra». Così Di Maio ha commentato sui Social l’anniversario. Sperava di essere elogiato, ma ha fatto male i conti con la Rete.

Ecco alcune risposte (su Twitter e su Facebook) da incorniciare tra le centinaia indignate, inferocite e scandalizzate. Praticamente non pervenuti i commenti positivi. E questo la dice lunga sull’impopolarità attuale dell’esponente M5s.

«Lei con quello che si appresta a fare dovrebbe almeno tacere e non nominarlo nemmeno il generale Dalla Chiesa….. Sta svendendo l”Italia e gli Italiani al partito di Bibbiano! Si vergogni!»

«Parole al vento, la girandola gira, basta fermarla quando fa comodo! Grandi personaggi dell’opportunismo!»

«Proprio in questo giorno dovresti tacere invece di metterti in bocca il Nome di un vero Italiano».

«Dalla Chiesa non avrebbe mai tradito. Traditore! Da movimento antisistema siete diventati il peggio del sistema e della casta. Vergogna!»

«Ho piú di 50 anni e potresti essermi figlio. A me piace dare fiducia ai giovani, perché lo sono stato anch’io. Ma dopo che ci avete tolto anche la speranza, vi prego, lasciate fuori dai vostri giochi almeno chi ha dato la vita per il nostro Paese…»

 

“Non hai titolo per parlare di Dalla Chiesa”

 

«Voi state mettendo in mano a un numero imprecisato di iscritti con tessera le sorti dello Stato».

«Tu stai facendo un governo, con quelli di mafia capitale. Il generale ha combattuto e dato la vita, tu ci convivi».

«Usare questa frase con voi che per governare vi alleate con chi ha istituito le mafie, ha cancellato i diritti dei lavoratori, ha sottratto per soldi bambini innocenti, ha truffato i cittadini con i finanziamenti alle banche, importa schiavi che gravano pesantemente su noi cittadini, ha fatto sparire 33 milioni dei terremotati (posso continuare ore)… Giggè ma che dici?!»

«Siete così inconsapevolmente comici che dovreste pensare a farne una professione!»

«Siete lontani anni luce dall’ideologia del Generale Dalla Chiesa, fra la vostra ministra che mostra due dita nel segno di pace anni 80 bambini fiori, e lui c’è l’abisso. Dovete lasciare votare tutta Italia non solo Rosseau, per salvare la faccia, almeno questo».

«Puah! Evita di ricordare l’immenso Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, sua moglie e la scorta. Non sei degno neppure di pensarli, men che mai di nominarli. Buffone poltronista!

«Ogni tua parola ha perso di significato nel momento esatto in cui avete anche solo pensato di potervi alleare con chi avete combattuto per anni».

«Certo le tessere vanno abolite, ma anche le iscrizioni alle piattaforme!»

«Oggi essere iscritti ad un partito conta di più dello Stato, solo pochi iscritti possono votare e decidere per tutti».

«Giggì chi te li scrive i tweet un kamikaze?»

«Negli ultimi mesi fai solo necrologi»

«Oltre che voltagabbana sei pure senza dignità… Non nominare un eroe della patria che lo fai rigirare nella tomba. Tu non sei che un complice di chi rema contro il paese ma arriverà anche il giorno della giustizia. #VogliamoVotareSubito»

«Lei non ha nessun titolo per parlare degli eroi massacrati dalla mafia».

«E parli ancora? Mannaggia a me che ti ho votato!»

«Ammazza. A leggere i commenti vedo che ti vogliono proprio bene gli Italiani. Auguri»

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paolo 4 settembre 2019

    Certo, mentre gli elettori di lega, FI, ora, DC, PSI e altri un po di tempo fà, partiti che hanno consegnato questo paese alla mafia e che lo hanno spinto nel baratro di pieno di melma in cui si trova ora, sono invece degni di nominarlo….

  • Paolo 4 settembre 2019

    Tutti amici di Salvini e B. Voglio vedere quanti di quelli che hanno pubblicato questi commenti sono degni di parlare del Gen. Dalla Chiesa senza vergognarsi del partito al quale appartengono.

  • Massimo vaccari 3 settembre 2019

    Non sei degno di nominare il Generale Dalla Chiesa avrebbe sicuramente potuto insegnarti cosa vuole dire essere Uomo, Italiano, Patriota. Vergogna per quello che stai facendo, tu e i tuoi compagni del pd.
    Non avete rispetto degli Italiani e dell’Italia che purtrppo rappresentate.

  • In evidenza

    contatore di accessi