Di Maio agli Esteri: su Twitter demoliscono il capo M5S. Feltri: bene, in inglese non si usa il congiuntivo

mercoledì 4 settembre 16:58 - di Redazione

“Mi rallegro sapendo che Di Maio sarà ministro degli Esteri ruolo che richiede la conoscenza dell’inglese cioè una lingua priva del congiuntivo ignoto anche a Gigino. Conte fa di tutto per agevolarlo”. Vittorio Feltri si esprime così, su Twitter, sull’approdo di Luigi Di Maio alla Farnesina come ministro degli Esteri.

Ma non è il solo a fare ironia. Sui social le battute sono talmente tante che il tema diventa di tendenza. Anche Alessandra Mussolini commenta sconsolata: “Sarebbe il primo ministro alla Farnesina ad avere l’interprete anche per l’italiano”.

Gli utenti sottolineano l’inadeguatezza dell’ex vicepremier: “Di Maio agli Esteri è la dimostrazione di quanto vengano valutati lo studio e la preparazione dagli italiani: un ca..o”. “È evidente che Di Maio agli esteri è l’unico modo che hanno trovato per tenerlo lontano il più possibile dall’Italia”. “Danno Di Maio agli Esteri…..dice che hanno bisogno di qualcuno che porti il caffè durante gli incontri internazionali”. “Comunque, Di Maio agli Esteri è una scelta che si allinea all’immagine che hanno del popolo italiano oltre confine. Poco alfabetizzato, diversamente onesto, un po’ paraculo”. “Di Maio agli Esteri: devono aver pensato che un periodo di Erasmus potrebbe fargli bene”. “Porca zozza Di Maio agli esteri…non sa manco n’do sta Matera”. “Di Maio agli Esteri, per primo atto andrà a Parigi a incontrare Macron: “Noio… volevam… volevàn savuar…”. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi