Conte-bis, Prodi dà una mano alla tesi del complotto: «Tutti contenti i miei amici dell’Ue»

sabato 7 settembre 15:51 - di Marzio Dalla Casta

«Ho ricevuto tante telefonate da amici europei, c’era il senso del sollievo». Parole sinceramente felici quelle pronunciate da Romano Prodi nella meravigliosa cornice di Cernobbio, dove è in corso il tradizionale Forum Ambrosetti. Parole rivolte a rassicurare la business community italiana circa l’alto gradimento raccolto dal Conte-bis nel triangolo istituzionale Ue Bruxelles, Strasburgo, Francoforte. Non che ce ne fosse bisogno più di tanto. Il nuovo governo, si sa, è nato proprio per restituire un sorriso ai tecnocrati europei e agli gnomi della finanza internazionale, sempre più allergici alla politica e  ancor di più a quei leader che si ostinano a volerne ripristinare il primato rispetto a mercati, spread, agenzie di rating e a tutto quanto condiziona da vicino e da remoto la vita dei governi e l’attività dei parlamenti. Certo, anche nel cinico mondo degli affari la sorpresa è stata di quelle che lasciano a bocca aperta. Eh sì, perché solo un folle visionario avrebbe potuto vaticinare l’auto-ribaltamento di Salvini e il suo accompagnamento alla porta nel giro di tre settimane. Tre settimane, per Prodi, da raccontare ai suoi «amici europei». Tuttavia, diversamente da Fred Buongusto che le sue «tre settimane da raccontare» le aveva   cantate da conquistatore di bellezze in bikini, un vitellone improbabile come Prodi le ha probabilmente vissute tirando insieme ad altri i fili per impedire alla crisi aperta da Salvini di sfociare in un bel bagno elettorale, come in effetti pensavano un po’ tutti. Tutti, tranne ovviamente gli esperti in giochi di prestigio. Assume perciò un significato un po’ sinistro il riferimento del Professore allo spread calante, da lui freudianamente catalogato tra le «reazioni visibili» che hanno accolto il Conte-bis. A questo punto, però, a noi preoccupano più quelle invisibili. Specie se a tacerle è lo stesso che diceva di fare le sedute spiritiche per trovare la prigione di Aldo Moro. Meditate gente, meditate.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 9 settembre 2019

    Hai, e avete fatto, dell’Europa, Italia compresa, un lettamaio!

  • In evidenza

    contatore di accessi