Bambini e politica, Conte esibisce il figlio gretino: «A 12 anni ha scioperato anche lui»

28 Set 2019 15:18 - di Federica Parbuoni
Conte

Guai a usare i bambini per messaggi politici, a patto che non si tratti di propaganda antifascista, pro migranti o di qualsiasi altro messaggio che piace al mainstream. In quel caso, ormai è noto, i bambini possono essere sbandierati come legittimi testimoni di un impegno civile che non conosce limiti generazionali. Stavolta a cascarci è stato il premier Giuseppe Conte, che all’indomani del “Friday for future” ha voluto mostrare al mondo quanto sia partecipe della battaglia di Greta Thunberg sui temi ambientali. E ha fatto sapere urbi et orbi che «mio figlio di 12 anni ha fatto il primo sciopero della sua vita».

Il figlio di Conte trasformato in testimonial gretino

«Ieri c’è stata una straordinaria partecipazione dei nostri giovani», ha detto Conte dal palco del villaggio di Coldiretti a Bologna, rivelando che «mio figlio di 12 anni ha fatto il primo sciopero della sua vita, gliel’ho concesso». «I giovani che hanno riempito le piazze sono sensibili al problema dei cambiamenti del clima e questo ci deve far ben sperare», ha proseguito il premier, aggiungendo che «vengo dall’assemblea generale dell’Onu, c’è un’attenzione nuova che mi fa ben sperare su questo tema».

L’impegno del premier sui temi ambientali

«Un importante allarme è arrivato dall’agenzia ambientale europea su ondate estreme di caldo, siccità, alluvioni, che rischiano di impoverire i terreni, di alterare i cicli biologici, di compromettere le attività agricole. È un problema serio. Dobbiamo lavorare con strategia, con visione. Se oggi non adottiamo contromisure, tutto il nostro mondo cambierà e il vostro settore ne soffrirà per primo», ha proseguito Conte. E se lo dice uno che ha concesso al figlio 12enne di scioperare – è il non detto che emerge dal ragionamento – allora è evidente che il problema è sentito davvero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • roberto 28 Settembre 2019

    mi sembra che Conte stia abusando un po’ troppo del verbo “sperare” e del vocabolo “speranza”.
    qualcosa di certo e non “sperabile” quando ce lo dice ?

  • 28 Settembre 2019

    Anche a Reggio Calabria i GRETINI hanno manifestato, peccato che la città è stata vandalizzata dalla spazzatura lasciata dai figli di questa generazione ecologista/consumista….che usano i cellulari, che mandano a palla l’aria condizionata e via discorrendo
    povera generazione di illusi manipolati

  • SUGERITI DA TABOOLA