Ai “Pizza Days” di Roma la più grande degustazione del mondo: «Puntiamo al Guinness»

sabato 7 settembre 17:06 - di Redazione

I forni che funzionano a energia solare, seminari per conosce e riconoscere l’olio d’oliva e lo show dei pizzaioli acrobatici. A Roma arriva la quarta edizione di “Pizza Days”, la manifestazione che celebra il prodotto italiano forse più celebre al mondo. Fino a domenica, presso l’Ippodromo delle Capannelle, sarà così possibile partecipare a una serie di eventi cultural-gastronomici, che culmineranno con il tentativo di primato Guinnes per “la più grande abbuffata di pizza nel mondo”.

Cibo e ambientalismo

Quest’anno Cibofuturo sarà presente alla kermesse con una serie di eventi organizzati in collaborazione con gli allievi e gli insegnanti del Centro metropolitano di formazione professionale (Cmfp) Castel Fusano Alberghiero, Helios con la cottura solare, la guida Extravoglio e l’associazione riconosciuta dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Mare, “L’Altritalia Ambiente”, di cui Cibofuturo è branca specialistica per le problematiche legate all’alimentazione. Missione di questo sodalizio è formare e informare al fine di accrescere le conoscenze in fatto di cultura gastronomica e acquisire nel contempo una maggiore coscienza ambientalista.

Eventi, laboratori e un record da battere

Durante i “Pizza Days”, per i quali è stato creato anche un originale tributo all’Ippodromo delle Capannelle con la presentazione delle pizze “King, Soldatino e D’Artagnan”, sarà possibile, tra l’altro, assistere alle dimostrazioni con i forni solari, i laboratori di degustazione dell’olio e le esibizioni di pizza gourmet degli chef Pierucci e Ciuca, per arrivare al tentativo di primato ufficiale Guinnes la cui partecipazione è aperta al pubblico. Sarà presente un gazebo di “L’Altritalia Ambiente – Cibofuturo” pronto a informare i visitatori su tutte le iniziative.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi