Papa Francesco si schiera: «No al sovranismo, sento discorsi come ai tempi di Hitler»

venerdì 9 agosto 10:56 - di Marta Lima

«Il sovranismo è un atteggiamento di isolamento. Sono preoccupato perché si sentono discorsi che assomigliano a quelli di Hitler nel 1934. “Prima noi. Noi… noi…”: sono pensieri che fanno paura. Il sovranismo è chiusura. Un paese deve essere sovrano, ma non chiuso. La sovranità va difesa, ma vanno protetti e promossi anche i rapporti con gli altri paesi, con la Comunità europea. Il sovranismo è un’esagerazione che finisce male sempre: porta alle guerre». Papa Francesco prende una netta posizione politica sul fronte nazionale e internazionale schierandosi con i detrattori del fronte sovranista, con parole che evocano addirittura la deriva nazista.

Bergoglio in sostegno di un’Europa accogliente

In una intervista esclusiva alla Stampa, il Pontefice analizza gli scenari della globalizzazione, difendendo solo alcuni tratti dell’identità culturale ma difendendo l’idea originaria di Europa accogliente. «L’Europa non può e non deve sciogliersi. È un’unità storica e culturale oltre che geografica. Il sogno dei Padri Fondatori ha avuto consistenza perché è stata un’attuazione di questa unità. Ora non si deve perdere questo patrimonio. Si è indebolita con gli anni, anche a causa di alcuni problemi di amministrazione, di dissidi interni. Ma bisogna salvarla. Dopo le elezioni – dice Papa Bergoglio – spero che inizi un processo di rilancio e che vada avanti senza interruzioni». Il richiamo al dialogo arriva insieme a quello dell’identità: «L’identità è una ricchezza – culturale, nazionale, storica, artistica – e ogni paese ha la propria, ma va integrata col dialogo. Questo è decisivo: dalla propria identità occorre aprirsi al dialogo per ricevere dalle identità degli altri qualcosa di più grande. Mai dimenticare che il tutto è superiore alla parte. La globalizzazione, l’unità non va concepita come «All’inizio faticavo a comprenderlo perché studiando Teologia ho approfondito il popolarismo, cioè la cultura del popolo: ma una cosa è che il popolo si esprima, un’altra è imporre al popolo l’atteggiamento populista. Il popolo è sovrano (ha un modo di pensare, di esprimersi e di sentire, di valutare), invece i populismi ci portano a sovranismi: quel suffisso, “ismi”, non fa mai bene».

Accogliere gli immigrati che arrivano dalla guerra

Infine l’immigrazione, su cui il Vaticano non ha dubbi: «Gli immigrati arrivano soprattutto per fuggire dalla guerra o dalla fame, dal Medio Oriente e dall’Africa. Sulla guerra, dobbiamo impegnarci e lottare per la pace. La fame riguarda principalmente l’Africa. Il continente africano è vittima di una maledizione crudele: nell’immaginario collettivo sembra che vada sfruttato. Invece una parte della soluzione è investire lì per aiutare a risolvere i loro problemi e fermare così i flussi migratori. Vanno seguiti dei criteri. Primo: ricevere, che è anche un compito cristiano, evangelico. Le porte vanno aperte, non chiuse. Secondo: accompagnare. Terzo: promuovere. Quarto integrare. Allo stesso tempo, i governi devono pensare e agire con prudenza, che è una virtù di governo. Chi amministra è chiamato a ragionare su quanti migranti si possono accogliere».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Massimo Trimarco 9 agosto 2019

    Basta solo che lui non si creda Pio XII perché non lo sarà mai!

  • Denis Clavio 9 agosto 2019

    Wuando I suoi AMICI COLONELLI ARGENTINI FACEVANO SPARIRE LE PERSONE LUI LI BENEDIVA E LI APPOGGIAVA

  • Leonardo Corso 9 agosto 2019

    ma questo signore invece di predicare Cristo fa politica??? perche non lascia le vesti di papa e si candida con i suoi amici sinistrati

  • In evidenza

    contatore di accessi