Meloni: “I responsabili della strage di Corinaldo fanno ancora i bulletti, devono pagarla”

lunedì 5 agosto 18:13 - di Domenico Bruni

“Non ci posso credere! A causa loro sono morte delle persone e nonostante tutto continuano a fare i bulletti. Sono totalmente privi di coscienza. Una pena esemplare per questi criminali, vediamo poi se la smetteranno di essere così sfrontati”. Lo dice su Twitter il leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni in merito alla tragedia accaduta l’8 dicembre 2018 presso la discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo che ha portato all’arresto di sette giovani. Questi ultimi, dopo l’arresto avrebbero continuato a essere sprezzanti nei confronti della tragedia che portò alla morte di sei persone. La leader di Fratelli d’Italia è rimasta indignata dopo aver letto sui giornali i resoconti degli interrogatori dei giovani, in particolare di Moez Hakari, iltunisino considerato il capobanda, punto di riferimento per gli altri, nel corso dei quali ha dato risposte sprezzanti tipo “il mio avvocato quando leggerà gli atti si farà un sacco di risate…”. I ragazzi si sono accusati reciprocamente, negando di avere commesso reati, ma hanno al loro attivo furti e ricettazioni.
Ieri Giorgia Meloni aveva scritto sulla sua pagina facebook: “Arrestata la “banda dello spray al peperoncino che causò la strage della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo dove persero la vita 6 persone. Un plauso alle nostre Forze dell’Ordine. Dalle intercettazioni emerge una realtà agghiacciante fatta da un branco di bestie senza scrupoli e senza coscienza che causavano volontariamente caos nelle zone affollate per compiere rapine. Alternavano risate a battute, fieri di quello che avevano fatto, una banda spietata e indifferente al dolore che avevano creato. Ora questi vigliacchi criminali paghino severamente, senza sconti o attenuanti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Cesare Zaccaria 8 agosto 2019

    Sfrontati, senza pudore, sono criminali incalliti, irrecuperabili.

  • In evidenza

    contatore di accessi