Achille Lauro scrive un post “petaloso” sui migranti: «Li lasciano annegare in mare»

venerdì 16 agosto 15:43 - di Giovanni Pasero

«Lasciare annegare uomini e bambini in mare è vergognoso e innaccettabile». Lo scrive il rapper Achille Lauro su Instagram, dove condivide contenuti video sulla vicenda dell’Open Arms.

Il cantante romano si è accodato agli altri personaggi del cinema e della musica che hanno voluto esprimere i loro pensieri “petalosi” per i migranti. Achille Lauro (all’anagrafe Lauro De Marinis) è diventato famoso a Sanremo per una canzone accusata di essere un inno alla droga. Il suo tour estivo non sta andando troppo bene. Sono già state annullate tre date (Genova, Lecce e quella di Ferragosto, a Noci, in provincia di Bari). Forse l’immagine del cantante bello e dannato non è sufficiente per portare pubblico? Il sospetto è legittimo, visto che improvvisamente Achille Lauro ha iniziato a comunicare come un Bob Dylan de ‘noantri.

Addirittura, in un altro intervento su Instagram, il cantante romano si è prodotto in una dotta dissertazione da esperto di storia. «Tra il 1861 e il 1985 –scrive il ragazzo romano – gli italiani emigrati all’estero sono stati circa 29 milioni. Stiamo parlando dei vostri genitori, dei vostri nonni, delle mamme e i papà dei vostri nonni. Immaginate vostra madre e vostro padre morirvi davanti annegati perché nessuno vi aiuta. Questo sta succedendo».

Achille Lauro, tre tappe del tour saltate

«Ci sono dei video in giro spaventosi. Stiamo parlando di poveretti costretti a scappare dalle guerre. Lasciare morire così le persone è vergognoso”, prosegue il rapper per il quale “dobbiamo ringraziare Dio di essere nati in Italia. Noi pensiamo a come comprare la macchina nuova, noi non abbiamo idea di cosa sia la guerra… Quello che sta succedendo non è solo ignorare la gente che ha un disperato bisogno di aiuto, quello che sta succedendo è essere complici di delitti. È un’umanità senza umanità. Buon Ferragosto». L’appuntamento alla prossima tappa del “No reggiseni. No iphone Achille Lauro tour”, a Castiglioncello. A 32 euro a biglietto, è incluso anche il pistolotto “petaloso” ed “equosolidale”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • roberto 16 agosto 2019

    vai a lavorare …. pirla

  • In evidenza