Rapporti tra Lega e Russia, Casellati zittisce il Pd: «In Senato non si fa gossip»

giovedì 11 luglio 12:19 - di Mariano Folgori

L’aula del Senato non è luogo adatto ai gossip. È scontro a Palazzo Madama tra il presidente  Maria Elisabetta Casellati e il Pd in relazione ai presunti finanziamenti russi alla Lega. Casellati ha respinto la richiesta dem di convocare in aula il ministro dell’Interno e vice premier Matteo Salvini per chiarire le notizie pubblicate dal quotidiano americano on line  Buzzfeed sui rapporti di Gianluca Savoini, presidente dell’associazione Lombardia-Russia e responsabile per la Lega dei rapporti con Mosca, con emissari russi per negoziare un presunto accordo di finanziamento. Il pettegolezzo (o, se vogliamo, la fake) è stata sollevata in aula dal senatore piddino , Alan Ferrari. La presidente è stata irremovibile agli appelli del Pd: “Qui siamo in Senato – ha dichiarato – e non possiamo discutere liberamente di questioni che non hanno nessun fondamento probatorio”. “Qui parliamo di fatti che abbiano una giustificazione. Qui al Senato – ha insistito – abbiamo ammesso le interrogazioni su tutti gli argomenti che basate su un fatto probatorio. È  inammissibile che il Senato discuta di ‘cosidette inchieste giornalistiche’. Le vostre interrogazioni, che io ho letta una per una, usano il condizionale e non fanno riferimento a fatti. Per me la richiesta è inammissibile”.

La fermezza della seconda carica dello Stato ha fatto saltare i nervi al Pd. “Le parole della presidente Casellati in aula sono gravissime”, ha tuonato il capogruppo dal Senato, Andrea Marcucci. “Esprimono dei giudizi sulle opinioni dei parlamentari e questo è inaccettabile, definiscono ‘chiacchiericcio’ rivelazioni di stampa sulla Lega che hanno una rilevanza internazionale” “Casellati – ha continuato Marcucci – è andata decisamente oltre la sua funzione che deve necessariamente essere super partes. La sua invece è una gestione di parte. Si tratta di un atteggiamento gravissimo che impedisce al Pd, ma anche agli italiani, di sapere la verità su questa vicenda”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza