Il rapper Ghali difende i migranti e spara contro Salvini: «Fascista». Lui gli risponde così…

sabato 20 luglio 12:53 - di Marta Lima

“Salvini dice che chi è arrivato col gommon non può stare .it ma stare .com, anche se quando consegnavo pizze ai campi rom mi lasciavano più mance degli artisti hip-hop (Uoh)”, è una delle strofe che il rapper Ghali ha inserito nella sua versione remix, e cover, di Vossi Bop, successo da 74 milioni di streaming e 46 milioni di visualizzazioni su YouTube del rapper inglese Stormzy, nella nuova versione del cantante italiano di origini tunisine.
L’ossessione per Salvini non risparmia neanche i cantanti come Ghali, che già nella sua canzone Cara Italia del 2018 si era espresso su temi politici. In questo caso, alla strofa in cui cita Salvini, Ghali ne fa seguire un’altra che allude a lui senza citarlo: “Alla partita del Milan ero in tribuna con gente. C’era un politico fascista che annusava l’ambiente. La squadra da aiutare a casa propria praticamente. Forse suo figlio è pure fan, che mi guardava nel mentre”.

A Repubblica Ghali spiega poi che lui è un artista e può dire tutto. «Sono un artista e fare politica non è necessariamente il mio compito. La mia musica racconta la mia storia e il rap, che è nato come denuncia sociale e che da sempre è il mio pane quotidiano, era il mezzo migliore per soddisfare la mia esigenza di prendere una posizione nei confronti di chi sfrutta la paura per creare un nemico». E Salvini? Gli ha risposto con toni molto, molto concilianti, su Twitter: «C’era un politico fascista che annusava l’ambiente», scrive nel post citando il testo di Ghali, «Mi insulta ma la sua musica non mi dispiace, è grave???».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • babbone 20 luglio 2019

    maaache c’ha sulla capoccia un polpo oppure è una tarantola…..è una tarantola e ja pizzicato.

  • roberto 20 luglio 2019

    tu saresti un artista ????? ma va a laurà barbun !!!!!!!!!!!!!!

  • bruno sgarrella 20 luglio 2019

    Ghali è un cretino!

  • In evidenza

    contatore di accessi