Effetto quota 100, enti locali in tilt: De Carlo (FdI) chiede l’intervento del governo

venerdì 26 luglio 13:48 - di Redazione
Gi enti locali si avviano verso la paralisi amministrativa, ma la situazione è passata pressoché sotto silenzio. La denuncia arriva da Luca De Carlo. Il deputato di FdI ha presentato un’interrogazione per chiedere l’intervento del governo.
«In tutto il territorio nazionale –scrive De Carlo al ministro dell’Interno – è progressiva la preoccupazione circa la scarsità di figure professionali atte a svolgere il ruolo di Segretario comunale e provinciale negli enti locali, comuni ed aree vaste» Il deputato di Fratelli d’Italia ha quindi raccolto l’appello lanciato dai tantissimi sindaci che da nord a sud hanno avanzato grande preoccupazione per un possibile collasso amministrativo a partire dal 31 Dicembre 2019».

De Carlo raccoglie l’appello di tanti sindaci

«La situazione è più complicata del previsto, eravamo già consapevoli della scarsità di professionisti abilitati al ruolo di Segretario comunale e provinciale, tanto da richiederne un nuovo concorso per incrementarne il numero, ma le adesioni al provvedimento “ quota cento” a partire dalla fine del 2019, pongono in essere l’aggravamento di una situazione già pesantemente ballerina», ha continuato De Carlo,che è sindaco di Calalzo di Cadore, «facendo riferimento ai concorsi pubblicati dal Ministero dell’Interno il 28 dicembre 2018, il cui diario di prove è stato posticipato già due volte. Ho ritenuto indispensabile intervenire a seguito della seconda proroga della pubblicazione del diario di prove di concorso per chiedere una velocizzazione della procedura affinché sia possibile –conclude il deputato FdI – garantire in tutti i territori, soprattutto nelle aree interne, lo svolgimento della regolare attività amministrativa già dai primi giorni del 2020».
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi