Torna il Gay Pride a Roma: nel mirino Salvini, la Meloni e i partecipanti al congresso della Famiglia

mercoledì 5 giugno 13:46 - di Redazione

«Nostra la storia, nostre le lotte»: con questo motto l’onda arcobaleno si prepara a invadere le vie di Roma sabato prossimo. Un gay pride che si preannuncia polemico, e non solo per gli anniversari che quest’anno celebra: 50 anni dai moti di Stonewall e 25 dal primo Roma Pride, ma perché promette di trovare nuova forza per supportare la battaglia a difesa dei diritti delle persone Lgbti+ contro la deriva che si considera oscurantista, quella del centrodestra.

Il brano di Raffaella Carrà “Adios Amigo” diventa infatti una parodia: il duo di drag queen Karma B dà voce e anima un “Adios Salvini” che cita i politici Fontana, Meloni, Di Maio, Pillon e lo stesso vicepremier (appaiono con tanto di ombretto, rimmel e rossetto). Da un balcone appare lo striscione: “contro l’odio, cuori e porti sempre aperti” e nel ritornello finale l’annuncio che sarà realtà nel fine settimana: “Ciao, ciao… l’arcobaleno le vostre idee travolgerà”.

«Abbiamo voluto giocare con la satira politica», spiega all’Adnkronos Sebastiano Secci, portavoce del Roma Pride e presidente del Circolo Mario Mieli. «I personaggi citati nel video-parodia hanno preso posizione contro la comunità Lgbti o il Roma Pride, alcuni sono stati protagonisti del Congresso della famiglie a Verona – continua -. Alla ventata oscurantista di fine marzo, ai tentativi di riportare la società indietro di 150 anni, rispondiamo con un’ondata arcobaleno».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi