Movida violenta all’Eur, la “notte brava” finisce con 1 uomo accoltellato e 4 investiti

sabato 8 giugno 13:14 - di Redazione

L’Eur fa sempre più paura: nell’arco di una sola notte “brava”, quella di ieri, sono stati ricoverati in ospedale un uomo accoltellato e 4 giovani investiti da un’auto. Due episodi registrati nel corso della movida violenta capitolina che in comune hanno la scena del crimine: il quartiere residenziale romano.

Movida violenta all’Eur: la “notte brava” si conclude in ospedale

E allora, mentre le ambulanze sfrecciavano sulla Cristoforo Colombo per arrivare a soccorrere urgentemente un 20enne egiziano appena accoltellato, riverso in strada sanguinante e trovato dal personale del 118 poco distante da Fiesta, il Festival della musica latino americana – ferito, a quanto sembra, al termine di una lite scatenata da futili motivi – un altro mezzo si dirigeva sempre all’Eur, dove 4 ragazzi erano stati investiti, sembra intenzionalmente, da un auto. A quanto risulta agli investigatori che stanno ascoltando i testimoni e cercando eventuali telecamere di zona che possano aver ripreso la scena, le persone coinvolte a diverso titolo nell’incidente avrebbero avuto una lite all’interno di un locale dell’Eur dove stavano passando il sabato sera. Per questo, a fine serata, uno dei ragazzi ha travolto con l’auto la comitiva “rivale”, lasciando a terra quattro ragazzi.

20enne egiziano accoltellato a un fianco, 4 ragazzi investiti da un auto

L’investitore, 23 anni, è stato fermato poco dopo in via dell’Oceano Indiano dalla polizia, che ora sta vagliando la sua posizione. Intanto, sul fronte dei feriti, dei quattro investiti, due sono gravi. Portati in codice rosso in ospedale, uno dovrà essere sottoposto a un’operazione al volto, l’altro è stato colpito a una gamba. Per gli altri le prognosi sono di 10 e 15 giorni. Il giovane egiziano accoltellato a un fianco, invece, è stato trasportato in codice rosso al Sant’Eugenio, mentre sul suo caso indagano gli uomini del commissariato Esposizione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza