Mondiali di calcio femminile, le “magiche” azzurre strappano la vittoria all’Australia

domenica 9 giugno 17:11 - di Sara Gentile

Vittoria da incorniciare per l’Italia ai mondiali femminili di calcio  in corso di svolgimento in Francia. All’esordio nella competizione dopo vent’anni di assenza, le azzurre guidate dal ct Milena Bertolini battono in rimonta 2-1 la quotata Australia. Parte male la gara per la nostra nazionale che passa in svantaggio al 22′, gol del capitano delle australiane, Sem Kerr. Nella ripresa Barbara Bonansea con una doppietta al 56′ e al 95′ firma il successo delle azzurre nella sfida del girone C disputata allo Stade Du Hainaut di Valenciennes.

Campionati di calcio, doppietta azzurra

Australia subito pericolosa al terzo con un colpo di testa di Kerr che si spegne sopra la traversa. Occasione poco dopo per l’Italia con Giugliano che riceve nel cuore dell’area da posizione un po’ defilata, il diagonale è facile preda del portiere Williams. Al 9′ la panchina azzurra esulta per un contropiede di Bonansea concluso in gol: l’arbitro Borjas annulla per fuorigioco dopo aver consultato il Var.

Brivido per le azzurre al 19′, un tiro basso da fuori area di Van Egmond taglia tutta l’area ma non trova la deviazione vincente. Al 21′ rigore per l’Australia per un fallo in area di Gama su Kerr, al dischetto si presenta lo stesso capitano che si fa ipnotizzare da Giuliani ma sulla ribattuta la numero 20 è brava a ribadire in rete, per lei si tratta della 32esima rete in nazionale. Poco dopo, contropiede delle australiane con la Kerr fermata in angolo da Gama al momento del cross, sul conseguente angolo tiro-cross di Van Egmond che si stampa sulla traversa. Alla mezz’ora occasione per Girelli a tu per tu con Williams ma il portiere riesce a respingere; il guardalinee alza la bandierina per un fuorigioco. Al 37′ ripartenza veloce delle australiane che crossano dalla sinistra per il colpo di testa di Logarzo, Giuliani si salva in angolo. Nel finale di tempo nuova conclusione aerea di Logarzo fuori misura.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza