Maggio pazzo, ultima incursione di freddo artico e poi finalmente arriverà l’estate

martedì 28 maggio 19:39 - di Redazione

Questo mese di maggio continua a riservarci tante sorprese. Nonostante sia ormai giunto alla sua conclusione, riuscirà a stupirci anche nel corso di questa sua ultima settimana, davvero pazza, in quanto, ci proporrà uno scenario meteo nel quale passeremo da una sorta di autunno a una provvidenziale estate, il tutto in pochi giorni. Il team del sito www.iLMeteo.it avverte che oggi il brutto tempo non mollerà la presa salvo qualche pausa limitata alle zone del Nord Ovest. La situazione andrà ulteriormente aggravandosi dal pomeriggio/sera in quanto farà irruzione un ciclone artico che comincerà a far affluire aria più fredda. Il ciclone provocherà una decisa e violenta fase di maltempo che colpirà soprattutto la Lombardia meridionale, la Liguria di Levante e tutto il Nord Est, basso Veneto, Emilia e Venezia Giulia in primis. Attenzione ai possibili forti temporali, nubifragi e qualche grandinata. Mercoledì 29 il forte maltempo insisterà sulla Lombardia, su gran parte delle zone orientali ed in particolar modo sull’Emilia Romagna. Nel corso della giornata è atteso un netto peggioramento anche sulla Toscana, sull’Umbria, sul Lazio e sulle Marche. L’aria fredda provocherà altresì un deciso calo delle temperature e sembrerà di essere in Autunno.

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che da giovedì 31 la situazione comincerà finalmente a dare i primi segnali di miglioramento. Nella prima parte del giorno infatti, si avrà un miglioramento a partire dalle regioni settentrionali ad eccezione dell’Emilia Romagna dove saranno presenti residui rovesci. Il tempo, invece, rimarrà chiuso e piovoso dapprima al Centro, esclusa la Toscana, e in seguito al Sud a causa del movimento del freddo vortice di bassa pressione verso le regioni adriatiche. La fase di maltempo potrà ancora provocare forti temporali e grandinate specie su Lazio (Roma compresa) Campania, Lucania e Puglia settentrionale. Ma da venerdì 30 e per il successivo weekend, l’Anticiclone delle Azzorre arriverà sull’Italia andando ad interessare soprattutto il Nord e il Centro e con un deciso aumento termico dove si registreranno già valori quasi estivi. Rimarrà invece più fresco ed instabile il tempo al Sud dove sarà presente il vortice ciclonico che sembra stazionarvi per più giorni.

Bomba d’acqua nel Senese

I vigili del fuoco hanno effettuato nel Senese decine d’interventi per allagamenti e frane a causa di un nubifragio che si è abbattuto nella serata di ieri sul sud della provincia e che ha interessato, in particolare, i comuni di Rapolano Terme, Sinalunga e Torrita di Siena. Le situazioni più critiche, fanno sapere i vigili del fuoco, si sono registrate a Sinalunga, dove alcune frane e smottamenti hanno interessato la strada Lauretana e in località Salterello un uomo, rimasto bloccato con l’auto, è stato portato in salvo. Allagamenti e infiltrazioni si sono registrate nella scuola di Serre di Rapolano. Il sindaco di Sinalunga, Riccardo Agnoletti, ha attivato il centro operativo intercomunale. Gli interventi di vigili del fuoco, Anas, tecnici della provincia sono terminati questa mattina quando la situazione è tornata alla normalità.

Allerta rossa in Emilia Romagna

Ancora pioggia e temporali in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. Una nuova perturbazione di origine nord-atlantica, presente sul Mediterraneo centrale, determinerà una intensificazione del maltempo sulle regioni settentrionali dell’Italia, con piogge e temporali diffusi, specialmente in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse, che fa seguito a quello diffuso ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it). L’avviso prevede dal primo mattino di domani, mercoledì 29 maggio, il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi