Evita il carcere per anni perché incinta. Fino a ieri: la nomade “Madame furto” va in galera

venerdì 31 Maggio 12:55 - di Redazione

Questa volta “Madame furto” in galera ci va: la pena per lei è diventata esecutiva e nessuna gravidanza, nessun attenuante, nessun escamotage potrà salvarla. E nel frattempo, tutto porta a tornare a parlare di lei, l’ormai tristemente nota cittadina bosniaca di 32 anni che deve la sua fama agli innumerevoli precedenti e arresti collezionati nell’arco di una lunga carriera da borseggiatrice. Nel frattempo, infatti, la pena è divenuta esecutiva e, ieri, i carabinieri della stazione Roma Quirinale l’hanno notata aggirarsi tra i passeggeri in transito nella stazione Termini in atteggiamento sospetto: quella la zona delle sue scorribande più frequenti e riuscite, ospiti stranieri, visitatori occasionali, il suo target preferito.

“Madame furto” va in galera: deve scontare 25 anni e 7 mesi di carcere

Il suo aggirarsi in zona con fare circospetto ha insospettito i militari che l’hanno bloccata e portata in caserma, dove le hanno notificato il provvedimento che l’ha spedita nel carcere Rebibbia. “Madame furto” deve scontare, complessivamente, 25 anni, 7 mesi e 7 giorni di carcere. La donna fu arrestata anche nel marzo scorso ma le relative pene non vennero mai scontate per le molteplici gravidanze e per i numerosi figli piccoli che la donna doveva accudire. Anche a marzo la nomade fu trovata in avanzato stato di gravidanza, motivo per cui l’esecuzione fu differita alla data del parto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica