Torre Maura, Meloni: «Chi parla di razzismo venga a farsi un giro da queste parti»

venerdì 5 aprile 11:20 - di Franco Bianchini

«La periferia di Roma è stata abbandonata a se stessa. Torre Maura è il municipio con il reddito più basso tra quelli della Capitale, un municipio sul quale incidono circa 14 centri per l’accoglienza degli immigrati e il campo nomadi più grande di Roma e, forse, d’Italia. Chi parla di razzismo, quindi, farebbe bene a farsi un giro a Torre Maura». Lo ha detto la presidente di FdI, Giorgia Meloni, ospite a Mattino 5 su Canale 5.

Meloni: «A Torre Maura la gente si sente discriminata»

«Torre Maura è l’esempio di come una certa politica abbia fatto finta di nulla, accumulando problemi sui problemi, degrado al degrado, perché, tanto, chi abita al centro storico non si accorge di quello che succede in periferia. A Torre Maura stanno addirittura togliendo l’unico autobus che passa e ci sono mille bambini in attesa di avere un posto in una scuola comunale». Per cui si capisce bene «perché la gente si arrabbia quando un’amministrazione comunale, di fronte a tutti questi problemi che non è in grado di risolvere, si preoccupa prima dei nomadi che dei cittadini romani. La gente non si arrabbia perché discrimina ma perché si sente discriminate», ha concluso Meloni.

La Raggi cerca di salvare la faccia e parla come la sinistra

Lontana dalla gente e con l’obiettivo solo di salvare la faccia è Virginia Raggi. Che usa lo stesso strumento propagandistico della sinistra usando praticamente le stesse parole: «Ecco i veri cittadini di #TorreMaura. Grazie #Simone. I giovani sono il nostro futuro. A Roma non c’è spazio per gli estremismi di Casapound e Forza Nuova. ps Abbiamo oscurato il volto del minore per tutelarlo», scrive su Facebook postando il video del ragazzo di 15 anni diventato l’eroe dei buonisti. La sindaca fa finta di non capire che il problema è tutt’altro, e cioè che la gente di Torre Maura soffre. Ed è a quella gente che bisogna dare risposte, senza l’ipocrisia salottiera dei radical chic.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza