Se ‘ntignano ogni 25 Aprile perché la storia je presenta er conto: ma tra Lui e loro nun c’è confronto

venerdì 26 aprile 13:54 - di Gasperino er carbonaro

L’aveva detto che manco morto sarebbe stato n’pace. E guarda n’po’ se nun c’ha preso: so’ settant’anni e passa che se n’è annato e ancora de Lui stanno a parlà sti gran zozzoni, ma li mortacci! «Viva er 25 Aprile», gridano ‘ncoro. Ma de che? Ma ‘ndo s’è visto mai che se festeggia ‘na guera perza, n’impero a pezzi e gli sfracelli  lassati dall’Imbianchino tedesco dentro casa? E de Piazzale Loreto che vogliamo dì? Appeso pe’ li piedi ar gancio d’un macellaro che manco n’capretto sotto Pasqua e poi mostrato ar monno intero come ‘n trofeo di cui esse fieri quanno invece era simbolo de ‘na vergogna senza pari. Festeggiamo pure quello? Eccoli sti sfascisti senza dio: pugno chiuso, Bella Ciao e stracci rossi. So’ così da settant’anni e passa: odio, ancora odio, sempre odio. Ma voi ve siete poi mai chiesti: ma perché? Io so’ solo n’carbonaro, ma a’ abbozzà ‘na spiegazzione ce provo uguale. A parere mio, è che ‘ntutto questo tempo lorsignori partigiani c’hanno abbuffato solo de fregnacce: ‘a Resistenza, ‘a Liberazzione ma c’ho sanno troppo bene che se nun era pe’ gli Americani, er Puzzone stava ancora a parlà sopra ar Barcone. E poi – aho! – ma da ‘ndò so’ sciti st’antifascisti se solo er giorno prima stavano a batte tutti e’ mano a Mussolini. O erano busciardi prima o lo so’ diventati dopo. Anzi, a guardà mejo lo so’ sempe stati. Apposta stanno a dì: «Nun se discute».  E così è stato. Armeno fino a quann’ a’ Storia nun je ha presentato er conto, quello vero. E c’ho sanno troppo bene che tra Lui e loro nun c’è confronto. Tanto pe dì, in manco n’anno Benito edificò Littoria, mentre quest’antri nun so’ stati capaci de riarzà n’ponte. È vero che ce lassò n’macerie, ma pe’ la guera. Quelle de oggi, invece, so’ fije de le  bustarelle ‘nfilate dentro i ministeri. E state ancora  a parlà der “mito” della Resistenza? Mecojoni! Ma quale mito, semmai ‘na favoletta. E pure senza morale. Se no come se spiega che a settant’anni e passa, pur de risentì un po’ der Duce gli italiani se stanno a fa fregà pure dar Truce?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi