Raggi svegliati e prendi nota: domani tutti in piazza con “Roma merita di più”

venerdì 5 aprile 14:45 - di Redazione

Meno uno! Tutto pronto per domani, un sabato romano che vedrà protagonisti cittadini, comitati di quartiere e associazioni per dire una volta per tutte: «Roma merita di più». Dalle ore 10 Piazza del Campidoglio si trasformerà in un tribuna, ove  si svolgerà la manifestazione dai due volti, il momento della protesta e quello della proposta. Raggi svegliati e prendi nota, è la filosofia della manifestazione che non si svolge sotto egide di partito. «Non una sfilata di moda, non parole al vento, non urletti di dolore o capricci, ma solo critiche oggettive e proposte risolutive, che consegneremo alla Raggi in un dossier: o la Raggi prende atto e cambia totalmente a seguito di questa “intimazione di sfratto atipica”, oppure verrà invitata alle dimissioni, previa raccolta di firme e consequenziale organizzazione della futura «Marcia per Roma”. L’idea è che questa marcia possa essere  propedeutica per l’elezione di un nuovo sindaco di Roma. Esserci sarà molto importante, quindi», dice il coordinatore di “Roma merita di più”, Gaetano Lauro Grotto. 

Romani allo stremo

Questione rom, metro inagibili “sine die”, buche nelle vie, immondizia, autobus in fiamme e mai più sostituiti. Non un aspetto di questa città si salva dalla “furia” di questa giunta «La  misura è colma: abbiamo raggiunto l’apice dell’inettitudine e delle problematiche alle quali la Raggi risponde sempre che non è colpa sua – dice il coordinatore- . E’ ora di finirla e di mettere chiarezza. La manifestazione avrà uno svolgimento tale da coinvolgere tante voci. Salirò sul palco e chiamerò a parlare delle varie urgenze da cui è afflitta Roma chi ne ha titolo, ma anche cittadini che hanno qualcosa da proporre, definendolo con nome, cognome e attività svolta. Poi ascolteremo le proposte che dovranno essere migliorative. Porterò quindi al sindaco Raggi – che ho invitato –  un dossier di tutti gli interventi scritti, al fine di renderla edotta di cosa vorrebbero i cittadini romani e di cosa suggeriscono ai rappresentanti istituzionali». Se non ne prenderà atto…

La voce delle periferie, l’adesione di Ponte di Nona

Il Comitato di quartier Ponte di Nona «parteciperà alla manifestazione come le altre Associazioni e Comitati di quartiere, per proporre al sindaco, attraverso la voce di chi vive la strada, quelle esigenze urgenti che i cittadini vogliono che siano prese in seria considerazione per essere attuate, senza più se e ma». È quanto afferma Franco Pirina, presidente del Caop. «Chi meglio della voce dei cittadini – prosegue Pirina- che vivono tutti i giorni dei problemi che non dovrebbero esistere, può esprimere quanto sia attualmente più urgente combattere e risolvere? Che ci sia una palese superficialità – continua – nell’amministrare la città di Roma, Capitale d’italia, è ormai sotto gli occhi di tutti. Prioritaria la chiusura di tutti i campi nomadi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza