La denuncia: “Quel seggiolino è pericoloso”. La Chicco lo ritira dal mercato

venerdì 5 aprile 17:27 - di Redazione

Il seggiolino per bimbi Chicco Oasys i-Size non garantisce l’incolumità dei bambini in auto in caso di scontro frontale. La denuncia arriva dalla rivista Altroconsumo. Durante i crash test che ha effettuato presso laboratori specializzati, ne è emersa la pericolosità: in condizioni di sollecitazione la fibbia della cintura del seggiolino si spezza e la cintura si stacca, liberando e proiettando fuori il bambino.  Durante la simulazione dell’incidente, la fibbia della cintura s’è strappata dal guscio del sedile e il manichino del bambino è stato eiettato con forza. In un incidente reale, il bambino avrebbe potuto
subire gravi ferite.

Qual è il modello Chicco a rischio

Del modello della marca Chicco “Oasys i-Size”, progettato per bambini dai 40 ai 78 cm di altezza, sono stati venduti circa 800 esemplari in Italia. Non devono essere usati ma riportati il prima possibile al punto vendita per riparazione a totale carico dal produttore, Chicco.

Dopo la richiesta di intervento immediato da parte di Altroconsumo, Chicco ha confermato la criticità precisando che il problema è legato al tipo di chiusura IMMI. Per chi ha già acquistato il prodotto, che non ha superato il test, la ditta Chicco offre supporto attraverso il suo servizio clienti e il ricambio gratuito.I risultati completi del test sui seggiolini per bambini saranno pubblicati in maggio. Attualmente, sono ancora in corso i test su 27 seggiolini auto sulla sicurezza, sulla maneggevolezza, sull’ergonomia e la presenza di sostanze nocive.

Chicco sul proprio sito conferma la notizia e annuncia una “iniziativa volontaria di sostituzione” per i seggiolini auto Oasys i-Size, “distribuiti dal 27 settembre 2018 al 4 aprile 2019 con numero seriale compreso tra 00008139 e 00013590” e uno specifico modello di fibbia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza