E alla fine Salvini esaltò l’antifascismo: “È un valore fondante”

giovedì 25 aprile 12:47 - di Mariano Folgori

Alleati e nemici attaccano Salvini sul 25 aprile, ma lui alla fine fa professione di antifascismo. “Se l’antifascismo è un valore fondante della Repubblica? Si'”. Il  ministro dell’Interno risponde così a una domanda che gli viene rivolta  in conferenza stampa a Corleone, dove ha inaugurato la nuova sede del commissariato di polizia. Aveva  destato polemiche l’assenza del vicepremier dalle celebrazioni ufficiali del 25 aprile, tanto che Di Maio lo ha attaccato affermando che chi non festeggia i partigiani in questa giornata vuole “dividere ” . E Salvini alla fine prova  a smussare le polemiche esaltando il valore dell’antifascismo.”

“C’è un Paese  – continua Salvini – contento che il governo italiano fosse anche qua. Non so dove fossero altri colleghi ministri, ma spero che rispettino la mia scelta. Sono contento di aver passato questo 25 aprile nel cuore della Sicilia”.

“Voglio -conclude salomonicamente il vicepremier – liberare l’Italia da tutti gli estremismi di destra, di sinistra, islamici: da tutti. Gli  estremismi non vanno mai bene. Voglio tranquillizzare non torneranno  né comunismo, né fascismo, nénazismo”.   Dopo queste parole ci sentiamo tutti più rilassati…

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paolo 26 aprile 2019

    personaccia sinistra e inaffidabile come di Maio.Certe affermazioni non sono accettabili e non si devono fare neppure per convenienza come lui forse ha fatto.

  • In evidenza