Arrestato latitante jihadista. Di Maio ingoia il rospo mentre Salvini esulta

23 Apr 2019 13:47 - di Redazione

Un altro latitante finisce in manette, un altro successo per il Viminale nella crociata contro il terrorismo islamico. È stato arrestato in Albania Bledar Ibrahimi, 28 anni, albanese, ricercato per associazione con finalità di terrorismo anche internazionale. Nel 2016, nella sua abitazione a Pozzo d’Adda, nell’hinterlanddi Milano, era stato trovato materiale informatico, tracce di contatti con fondamentalisti islamici e documenti video-fotografici inneggianti alla Jihad.

Salvini: nessuna tregua ai criminali

«Grazie alla magistratura e ai nostri investigatori, a partire dal Ros, che non hanno mai mollato. Grazie anche alle autorità di Tirana. È l’ennesimo latitante fuggito e catturato all’estero. Nessuna tregua ai criminali e ai fanatici», commenta soddisfatto Matteo Salvini proprio nel giorno in cui Di Maio e i grillini accusano il ministro dell’Interno di aver fatto poco in tema di rimpatri, immigrazione, sicurezza e di nascondersi dietro gli slogan. L’arresto clamoroso è una risposta immediata del ministro dell’Interno alla guerra strisciante con i pentastellati che ormai, in piena campagna elettorale, vestono i panni dei principali oppositori di Salvini.

Bledar Ibrahimi era un ragazzo di vent’anni arrivato dall’Albania e finito quasi per caso a Pozzo d’Adda. Ed è stato proprio in questo paese di seimila abitanti al confine con la provincia di Bergamo che ha rinnegato le origini e la sua terra, giurando nel nome di Allah e nell’esercito dell’Isis, sedotto dalla propaganda del web tanto da cambiare nome e profilo Facebook. L’albanese, uno dei nomi pesanti e centrali nelle indagini dell’antiterrorismo, aveva stretto amicizia con ampia parte della rete di sostenitori dell’Isis in Lombardia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA