Primarie, Di Battista senior mette in imbarazzo il Pd: «Ho votato in 3 seggi diversi». E cita anche Mussolini

domenica 3 marzo 18:39 - di Ernesto Ciecaquaglia

Vittorio Di Battista, padre del famoso Alessandro, alto esponente grillino, prova a mettere  in imbarazzo i dirigenti Pd  che hanno organizzato le primarie. E lo fa  annunciando di essere riuscito a votare in tre seggi diversi. L’annuncio si rivelerà ben presto una bufala essendo stato postato su Facebook alle otto del mattino, un orario che rende del tutto inverosimile la notizia di aver votato in tre seggi diversi e, per di più,  in tre comuni diversi. Neanche un Di Battista senior diventato  Nembo Kid sarebbe riuscito a tanto  La bufala del padre di Alessandro  ha tenuto comunque il Pd in apprensione per un po’ , prima  essere smascherata. Però, fake o non fake, è riuscita comunque a richiamare l’attenzione sui meccanismi di controllo  delle primarie del Pd, maccanismi sui quali   permane una certa opacità.

Proponiamo comunque il testo del Di Battista come  simpatica esibizione di qualità narrativa (e inventiva)  «Oggi farò il bravo cittadino», scrive al dunque Di Battista senior su Facebook. « Mi sondel o docciato, ho preso il caffè, accesa la prima sigaretta e sono pronto. Carta di identità, tessera elettorale e due euro, vado a votare alla sede del Pd (già gloriosa sezione del Pci) di Civita Castellana, in via San Gratiliano, senza numero civico.Malgrado i due euro falsi, sono riuscito ad indicare il mio “segretario” preferito, il più bello ed il più simpatico, Bobo Giachetti»..

Vittorio dichiara d’averci  preso gusto. «Vado a Castelnuovo di Porto, presso la Sala Polivalente di via Renzo Gloria, ad esprimere la mia preferenza per Maurizio Martina, mio candidato autentico, malgrado i due euro falsi. L’operazione riesce senza intoppi ed allora risalgo in macchina e, dopo neanche venti minuti, a Roma, vado al seggio numero 3 di Piazza Mazzini dove, per spirito caritatevole, il mio voto lo riservo per il fratello del commissario. Sono felice, felice di avere esercitato un diritto democratico, felice della cortesia degli addetti ai seggi e felice di non aver dovuto superare nessun controllo».

Ed ecco la sapida chiosa: « Settanta quattro anni di Repubblica Democratica ed antifascista mi hanno insegnato i valori fondanti di questa nuova Italia. Con un documento valido, la tessera elettorale e qualche euro falso, puoi comportarti da bravo cittadino e far contenti tutti e tre i candidati, far gioire i commentatori e triplicare il numero dei “votanti”.E pensare che il buon Benito definiva le elezioni “ludi cartacei”…A ‘mbecilli.

Si tratta, non c’è  dubbio, di una burla rivolta all’intero  sistema mediatico. L’unica  cosa che Di Battista senior avrebbe dovuto evitare è stato jl richiamo a Mussolini per condire la sua bufala. Non è lecito  evocare  la grandezza della storia per ingigantire le piccolezze, peraltro  truffaldine, della politica. Di Battista senior, sarà poi così “fascista” come, a più riprese, ha dichiarato di essere? A questo punto,  cominciamo a nutrire qualche dubbio,

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi