Più alloggi per i militari in Alto Adige: il ministro Trenta accoglie le proposte di Fratelli d’Italia

venerdì 22 marzo 19:00 - di Redazione

Il ministro della Difesa Elisabetta Trenta risponde positivamente all’appello di Fratelli d’Italia: presto più alloggi per i militari. “Settanta milioni per il prossimo quadriennio per affrontare le emergenze abitative e strutturali per il benessere militare ma, soprattutto, nei primi 6 mesi del 2019 saranno resi disponibili in Alto Adige 180 nuovi alloggi per il personale della Difesa, oltre ai 35 appartamenti appena ristrutturati. Complessivamente, il Protocollo d’Intesa con la Provincia di Bolzano prevede la realizzazione di 390 nuovi alloggi per militari e la ristrutturazione di ulteriori 53. In Trentino-Alto Adige vi sono 800 alloggi di proprietà  del Demanio militare, di cui 287 in attesa di lavori di manutenzione”. Lo ha comunicato lo stesso ministro della Difesa Elisabetta Trenta al capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Difesa Salvatore Deidda rispondendo a un’interrogazione e all’appello che il parlamentare aveva lanciato da Bolzano con il consigliere regionale Alessandro Urzì. “A Bolzano, lo scorso ottobre – ha dichiarato Deidda – abbiamo ascoltato tanti uomini e donne delle nostre Forze Armate e lanciato un appello al ministro della Difesa e allo Stato maggiore, con interrogazioni e interventi durante le audizioni. Le Forze Armate sono patrimonio comune e non devono essere oggetto di scontro, si lavora per trovare insieme le giuste soluzioni. Come nel caso della questione alloggi in Trentino Alto Adige”. “La richiesta di soluzioni abitative per il personale della Difesa – ha dichiarato il consigliere Urzì – in una provincia con un altissimo costo della vita è un dovere da parte delle istituzioni pubbliche. Spicca il dato relativo agli alloggi che ristrutturati potrebbero rappresentare un’importante risposta alle attuali esigenze del personale militare. Apprezzabile in ogni caso è la sensibilità mostrata sul tema”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza