Meloni: «Ramy è un eroe, giusto dargli la cittadinanza ma è assurdo invocare lo Ius soli per 500mila migranti»

martedì 26 marzo 19:53 - di Monica Pucci

Il centrodestra non rinascerà, almeno a breve? «No, non è affatto archiviato. Le dichiarazioni di Salvini le trovo normali. Nessuno chiederebbe di mandare a casa il governo di cui fa parte. Certo Salvini sta rinunciando a più cose rispetto a quelle a cui rinuncia il M5S», ha detto Giorgia Meloni, leader di Fdi, a “Otto e mezzo” su La7, commentando le affermazioni di Matteo Salvini sulla tenuta dell’esecutivo.  Da parte della Lega “non è mai stata formalizzata” la richiesta di cambiare candidato del centrodestra in Piemonte e “quello che chiedo a Berlusconi e Salvini e di decidere per non dare un vantaggio competitivo alla sinistra”, ha spiegato la leader di Fdi, aggiungendo di sperare che un incontro a tre possa avvenire “questa settimana”. «La “partita è aperta: nessun nome è mai arrivato su nessun tavolo, per questo chiedo un incontro», aveva detto la Meloni in un’intervista a La Stampa, edizione Torino. «Si può vincere anche in Piemonte -aggiunge- ma la scelta del candidato non può essere rimandata ulteriormente: speriamo di sciogliere il nodo in settimana».

A Otto e mezzo la Meloni parla anche del ragazzino che ha salvato la scolaresca a Pavia e che viene strumentalizzato dalla sinistra: «Io sono stata la prima a dire che era un atto dovuto dello Stato dare la cittadinanza a Ramy ma è stucchevole far nascere da questo il dibattito sullo ius soli: un conto è dare la cittadinanza a un ragazzino eroe, altra cosa è dire che siccome è stato un eroe, bisogna dare la cittadinanza a 500mila persone».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • avv. alessandro ballicu 27 marzo 2019

    non sono d’accordo non è un eroe ha agito per salvare anche sè stesso.
    concedergli la cittadinanza oltre che creare un pericoloso precedente, sarebbe possibile con un provvedimento ad personam , poco conciliabile col principio costituzionale di cui all’art. 3 della costituzione,
    e poi basta con questo buonismo esasperato

  • Carlo Cervini 27 marzo 2019

    Cara Giorgia, capisco la necessità della visibilità mediatica, ma sono assolutamente da evitare le imboscate come quella di ieri sera dalla Gruber, Lei comunista assatanata e malevola, un grillino giacobino giustizialista e un comunista a la page………..3 contro uno e tanti pregiudizi ed interruzioni…………mandali a quel paese, si parlano addosso e cercano di rianimare il cadavere dei DS e dei sinistrorsi di tutte le risme. Quella gentaglia va sotterrata nell’indifferenza, hanno tenuto Trump sulla graticola per ben 2 anni sul nulla, per fortuna che negli USA c’è una magistratura molto lontana dal tipo nostrano del bunga bunga è il fatto più importante della settimana, dopo le confessioni di Battisti……….di loro neanche una parola.

  • GAETANO 27 marzo 2019

    Si vabbè ma l’amico nordsudista non li avrebbe rimpatriati tutti?

  • Luigi 27 marzo 2019

    Qui si diventa eroe, per uno sputo, chiunque per salvare il culo chiama aiuto, grazie a dio e andato tutto bene, addirittura regalare la cittadinanza.

  • In evidenza

    contatore di accessi