Greta Thunberg è la bambina perfetta del progressismo mondiale. Chi l’ha scoperta e chi la manovra

venerdì 15 marzo 10:55 - di Redazione

Oggi si marcia per il clima in 2052 località di 123 Paesi. E’ lo sciopero globale per un mondo più green e ha una sua eroina, Greta Thunberg, 16 anni, paladina del neoambientalismo offerto ai giovani come bandiera ideologica da issare sulle macerie dell’ideologia progressista. Greta è diventata famosa perché ogni venerdì, anziché andare a scuola, manifesta davanti al Parlamento di Stoccolma la sua ansia ecologica con un cartello: Skolstrejk för klimatet, sciopero scolastico per il clima. Prima era da sola, poi ha partecipato alla Cop24, la ventiquattresima conferenza sul clima che si è tenuta a Katovice, in Polonia. Ed è diventata un personaggio,un’icona globale.

Secondo il giornalista svedese Andreas Henriksson, le cui tesi sono state riprese dal sito occhidellaguerra.it, dietro l’operazione di immagine che ha portato Greta sotto i riflettori c’è il Pr professionista Ingmar Rentzhog, fondatore della startup We Do not Have Time che è decollata proprio grazie all’immagine della ragazzina innamorata della natura. Rentzhog, accusato da alcuni giornali svedesi di strumentalizzare la bambina,  l’ha incontrata lo scorso agosto davanti al Parlamento e tramite i social ha cominciato a pubblicizzare la sua battaglia solitaria. Rentzhog è anche, infine, presidente di un think tank – Global Utmaning – che promuove lo sviluppo sostenibile. La fondatrice è Kristina Persson, figlia del miliardario ed ex ministro socialdemocratico dello sviluppo strategico e della cooperazione tra il 2014 e il 2016.

La genuinità della battaglia di Greta insomma non è in discussione, ma certamente del suo simbolo si è già impadronito un fronte laico-pacifista-buonista che ne sfrutta l’immagine. La proposta di insignirla del Nobel per la Pace lo dimostra ampiamente. Sul Tempo Pietro De Leo ricorda come la ragazzina sia utile anche nella lotta politica contro Trump, da lei definito un “matto” e come possieda tutti gli ingredienti per piacere agli “imbonitori del progressismo mondiale”. È donna, è adolescente, è affetta da sindrome di Asperger. Ma è soprattutto la testimone di una generazione priva di ideali che ripiega sull’amore per la natura e la cura dell’ambiente. Bisognerebbe lasciare crescere questo sentimento bellissimo e spontaneo senza ingabbiarlo in ideologie anacronistiche. Ma ormai è forse già tardi per distinguere tra la buona battaglia di Greta e la malafede della rete che la manovra.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura Prosperini 15 marzo 2019

    questo è il “loro” metodo (dei globalisti/mondialisti)
    foraggiare, sponsorizzare le varie (sotto)culture affinché si affermino come dominanti (le sottoculture intendo) e vadano…”di modo”
    cavalcando così la (debole) mente di chi non riflette abbastanza ma segue il trend..Si dia invece maggior lustro alla vera Cultura, quella che passa dalle Università e dalla Ricerca
    e si divulghi quest’ultima
    affinché si possa formare una solida conoscenza Culturale (tradizionale e attualissima al contempo) come luogo di riflessione personale ma anche condivisa (eggregora)

  • In evidenza