Gasparri: «Giusto premiare Rami, ma al bimbo-eroe italiano niente? È razzismo al contrario»

mercoledì 27 marzo 13:41 - di Paolo Sturaro

«È giusto dare la cittadinanza per meriti speciali a chi abbia ben meritato. Nel caso dei bambini protagonisti della vicenda del pullman, i presupposti ci sono tutti. Casomai, andando in televisione con una bandiera italiana sulle spalle e non con quella di un altro Paese, se poi si chiede appunto, giustamente la cittadinanza italiana. Ma i bambini altrettanto eroici, italiani figli di italiani, avranno qualche riconoscimento?». Lo domanda il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri.

Gasparri: va dato un riconoscimento
al bambino che si è offerto come ostaggio

«Meno male che vengono ricevuti insieme ai carabinieri e ai bambini di origine straniera anche loro al Viminale, ma non avendo bisogno della cittadinanza, una borsa di studio o qualche altro riconoscimento è possibile ipotizzarlo? Oppure siamo in una nazione dove c’è un razzismo al contrario, dove si è eroi se si è di origine straniera e non si è eroi se di origine italiana?», incalza Gasparri. «C’è stato un bambino che si è offerto in ostaggio al sequestratore italo-senegalese. Vogliamo dare un riconoscimento concreto anche a lui e agli altri o no? Vigileremo con attenzione. Attenti a smantellare tutte le strumentalizzazioni in corso. La cittadinanza per meriti straordinari può e deve essere concessa, l’estensione a tutti, introducendo lo Ius soli, è una strada impercorribile. Mai, ribadisco mai, Ius soli in Italia», conclude Gasparri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 27 marzo 2019

    Stai a vedere che al ragazzo italiano daranno la cittadinanza africana!?!?

  • In evidenza