Facevano avere la cittadinanza agli stranieri per 7mila euro: coinvolto anche un parroco

martedì 26 marzo 15:41 - di Natalia Delfino

C’è anche un prete, un parroco della Diocesi di Padova, fra le persone coinvolte nell’operazione “Super Santos”, che ha portato alla scoperta di un traffico di cittadinanze tra Verbania e Novara. Il sodalizio criminale era stato messo in piedi da cittadini brasiliani a vantaggio di connazionali che volevano acquisire il nostro passaporto. Sette quelli finiti in manette, oltre 800 quelli diventati italiani in appena 3 giorni e al costo di 7mila euro in contanti, per un giro d’affari stimato dagli investigatori in 5 milioni di euro.

Nel “pacchetto cittadinanza” incluse anche gite turistiche

Il prete, che è stato sottoposto all’obbligo di firma, è accusato di aver stilato in cambio di denaro un falso certificato di battesimo in modo che lo straniero potesse dimostrare di avere un avo italiano. Gli arrestati avevano allestito delle agenzie d’affari illegali che, dietro il pagamento in contanti, offrivano assistenza nelle pratiche per la cittadinanza, creando le condizioni per ingannare gli impiegati degli uffici anagrafici e facendo risultare i richiedenti come residenti nei comuni delle province di Verbania e Novara. In questo modo, gli stranieri riuscivano a ottenere la cittadinanza in soli tre giorni. Non solo, i faccendieri integravano il “pacchetto cittadinanza” con un gite sul lago Maggiore e degustazioni di prodotti tipici.

Quei selfie con i passaporti

Dalle indagini, che sono andate avanti più di un anno e si sono articolate in intercettazioni telefoniche, appostamenti negli aeroporti e perquisizioni negli alloggi dei brasiliani, è emerso anche che l’acquisizione della cittadinanza italiana era spesso finalizzata a entrare più facilmente in Canada o negli Stati Uniti, giovandosi dei controlli meno serrati sui cittadini Ue. Un evento che spesso questi neo-cittadini con frode festeggiavano postando selfie con il passaporto davanti l’ingresso dei Municipi. «Altro che Ius soli e cittadinanze in regalo, occorrono rispetto e controlli. Grazie ancora a Forze dell’ordine e inquirenti», ha commentato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 26 marzo 2019

    E ti pareva mancasse il prete, quest’anno supposte al posto dell’8 x 1000, tranquillo!

  • In evidenza