Caso Diciotti, Meloni: «Surreale che un pezzo dei Cinquestelle sia contro Salvini»

mercoledì 20 marzo 10:47 - di Sara Gentile

«È assolutamente surreale che un pezzo significativo della maggioranza di governo abbia preso in considerazione l’ipotesi di votare contro il ministro Salvini. Con l’autorizzazione a procedere non si vota l’indagine nel merito ma si risponde a una domanda: il ministro ha agito nell’interesse della Nazione e del governo o contro gli interessi della Nazione e del governo?». Giorgia Meloni, ospite di Non Stop News il programma di approfondimento politico condotto da Pierluigi Diaco, Fulvio Giuliani e Giusi Legrenzi ( Rtl 102.5 e in contemporanea sui canali 36 del Dt e 750 di Sky) interviene sul caso “Salvini-Diciotti“. La vicenda è quella dei 179 migranti “bloccati” sulla nave della guardia costiera “Diciotti” nel porto etneo lo scorso agosto per cinque giorni e per la quale i magistrati di Catania hanno richiesto di procedere contro Salvini con l’accusa di sequestro di persona.

Caso Diciotti, Meloni: «Noi difendiamo Salvini»

«Se i Cinquestelle dovessero votare per l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini – ha aggiunto Meloni – dovrebbero mandare a casa il governo perché non ti puoi tenere un vicepremier e ministro che agisce contro gli interessi della Nazione. Noi di Fratelli d’Italia abbiamo detto dall’inizio che avremmo votato per difendere Salvini e che consideriamo scandaloso che ci sia un’indagine nei confronti di un ministro che ha impedito a qualcuno di entrare illegalmente in Italia. Per anni e anni abbiamo avuto ministri che facevano apertamente favoreggiamento del reato di immigrazione clandestina ma nessuno ha pensato a indagarli».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi