Beppe Grillo contro la manifestazione di Milano: “Il razzismo in Italia è solo mediatico”

domenica 3 marzo 12:52 - di Marta Lima

Anche a Beppe Grillo, fondatore del M5S, la manifestazione antirazzista di ieri è sembrata più una parata mediatica che una vera sollevazione popolare contro le politiche di questo governo: “A Milano 250.000 persone hanno manifestato contro il razzismo, un razzismo esclusivamente mediatico, ma Sala lo definisce momento spartiacque… ed ha ragione. Chiunque abbia un minimo di buon senso non vede alcun razzismo, ma soltanto un crescente egoismo sociale”, scrive sul suo blog.  “Ma allora – si chiede – cosa sta succedendo? Sembra che il Paese non voglia confrontarsi con i suoi veri fantasmi. Se fosse una manifestazione contro l’egoismo, contro il mors tua vita mea, ne sarei felice. Ancora di più, se fosse una manifestazione contro la mafiosità, i favori e le caste… ma stiamo soltanto sognando. Piuttosto che cacciare i mafiosi della politica offre a quella stessa vecchia politica alibi per rifarsi l’ennesimo lifting. Terreno di coltura ideale per i frou frou piddini e berlusconiani: cabaret invece che lotta”. Pesanti anche le frasi sulla Tav, che non promettono niente di buono sul fronte del governo. “Il Paese sceglie falsi problemi: piuttosto che decidere di sostenere i suoi milioni di poveri preferisce disquisire di miliardi per bucare una montagna ed altre questioni che non esistono”. Stoccate anche al Pd: “Persi nelle nebbie delle primarie si ritrovano nel ‘vuoto nulla impannocchiato in fronzoli'”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 4 marzo 2019

    Una delle poche cose condivisibili dette di Grillo, i sinistrorsi di tutte le risme campano da 60 anni sull’antifascismo mediatico foraggiato dallo Stato come l’ANPI………….e le loro svergognate cooperative prosperano sull’indistria dell’accoglienza e del profugo, vero o presunto……………

  • MICHELE RICCIARDI 3 marzo 2019

    3 Marzo 2019 — In questo paese, la giustizia non funziona, la famiglia è distrutta, la scuola è in agonia, la sanità pubblica… mamma mia aiuto!.. E’ una valle di lacrime ovunque; anche nella religione cattolica! IL governo del cambiamento è arrivato ma, visto come dicono e come fanno, non cambieranno nulla. E c è chi sostiene, che salvare l’ Italia, è ancora possibile. Le cose se non migliorano, peggiorano; O mi sbaglio. E questi giovani,…per colpa dei genitori e delle istituzioni, non si preoccupano di nulla… subiscono e basta.