Arresto di De Vito. Silenzio, parla Virginia Raggi. E che dice? Poco più di niente

mercoledì 20 marzo 11:51 - di Girolamo Fragalà

E alla fine parlò lei, Virginia Raggi. Parole messe lì, una dopo l’altra. Scontate. Quelle che vengono pronunciate quando non si sa cosa dire. Nel mezzo della bufera, con la già traballante zattera dei Cinquestelle romani alla deriva, la sindaca accende il computer e scrive un post su Facebook. E annuncia a mari e monti che non farà nessuno sconto. Sì, proprio così, «perché a Roma non c’è spazio per la corruzione». Ci mancherebbe altro, sarebbe clamoroso se, di fronte al tintinnìo delle manette e ad accuse gravissime, il Campidoglio chiudesse un occhio. Ma la Raggi è fatta così, l’importante è dare agli elettori una scusa per difendersi, quanto è brava, Virginia, ha subito mandato via il corrotto. Oppure quant’è brava Virginia, non vuole la corruzione. Fatto sta che gli slogan non bastano. Lo scandalo è troppo grosso, il corrotto non era un delinquentello che si aggirava la notte per le vie della Capitale, ma il numero due del Campidoglio. E assieme a lui altri sono finiti in cella. E non sono nomi da poco. «Chi ha sbagliato non avrà alcuno sconto da parte di questa amministrazione», ribadisce senza però specificare quale sconto avrebbe mai potuto dare l’amministrazione. E che il sindaco di una città non è il Papa che dà il perdono. Poi la Raggi aggiunge: «La notizia dell’arresto di Marcello De Vito è gravissima: ho piena fiducia nella magistratura e nel lavoro dei giudici». Honestà honestà, con tanto di “h” iniziale – così da riprendere il modo in cui sui social vengono presi in giro i grillini – ormai è roba del passato. La macchia c’è e presumibilmente molto ancora salterà fuori. Ma lei, a mo’ di poesia imparata a memoria, continua a ripetere: «Una cosa è certa: nessuna indulgenza per chi sbaglia». Qualcuno le spieghi che lei non è chiamata a dare o non dare indulgenze, ma a spiegare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • anna 20 marzo 2019

    e cosa volevate che dicesse? una capitale affidata ad un ologramma

  • Giuseppe Tolu 20 marzo 2019

    E lei che dice? Non ha mai detto niente fino ad oggi e dovrebbe parlare proprio ora, mah!

  • In evidenza