Trump-Kim, al via il summit di Hanoi tra strette di mani e sorrisi

mercoledì 27 febbraio 14:45 - di redazione

Donald Trump e Kim Jong-un sorridenti: con una stretta di mano davanti ai fotografi i due “amici” danno il via ad Hanoi al secondo vertice, dopo quello andato in scena a Singapore nel giugno dello scorso anno. Per i due leader, un breve colloquio e poi la cena al lussuoso Metropole Hotel della capitale vietnamita. Nel corso della due giorni, il presidente Usa e il leader nordcoreano discutono la roadmap per liberare la penisola coreana dalle armi nucleari. “E’ un onore essere qui con il presidente Kim. Abbiamo avuto un primo vertice di grande successo, credo che questo avrà lo stesso successo o anche maggiore. Il nostro rapporto è davvero ottimo” ha detto subito Trump, seduto accanto a Kim. “Credo che il suo Paese abbia un enorme potenziale economico, incredibile, illimitato. Credo che il suo paese abbia un grande futuro, noi aiuteremo affinché questo si verifichi. Lei è un grande leader”, ha aggiunto il presidente Usa rivolgendosi al leader nordcoreano. “Siamo stati capaci di superare tutti gli ostacoli e ora siamo qui. Ci sono stati malintesi, ma ora siamo qui”, ha risposto Kim Jong-un, elogiando la “coraggiosa decisione” con cui Trump ha favorito l’inizio del dialogo tra Corea del Nord e Stati Uniti. “Nei 261 giorni trascorsi dal precedente summit – dice ancora Kim – sono stati necessari sforzi meticolosi ed è stata necessaria la pazienza. Ma ora siamo qui”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *