Sanremo, Mollicone (FdI) contro Bisio e Negrita: fanno i buonisti con i soldi in tasca (Video)

mercoledì 6 febbraio 12:18 - di Ginevra Sorrentino

Calano gli ascolti, ma aumentano le gaffe: questa edizione bis del Festival di Sanremo targata Baglioni è cominciata nel segno dell’errore, del disguido, della gaffe. E passino pure i problemi tecnici patiti dalla veterana Patty Pravo, sul palco in coppia con Briga, che ha dovuto attendere un lasso di minuti sembrati interminabili, a lei come ai telespettatori, perché partisse la musica su cui andare a cantare. E passi pure che le prime esibizioni, guarda caso apparse sottotono, non si sono neppure riuscite a sentire con l’audio che copriva, sovrastandoli, i testi. Come pure ci sembra il caso di sorvolare sull’arrivo di Andrea Bocelli, salutato da Bisio, al suo arrivo sul palco, con un cenno della mano; ma quello su cui oggi – e non solo la politica – non si può proprio soprassedere è l’utilizzo strumentale di un palco per antonomasia nazional-popolare per monologhi radical chic dal sapore politically correct ma dal retrogusto decisamente amaro se considerato il contesto glamour e cachet generoso di chi dall’Ariston, già ieri sera al debutto, ha provato a strappare una risata arringando le folle…

Sanremo, Mollicone (FdI) stona «umanitarismo ben retribuito» di Bisio and co.

«Consideriamo Sanremo uno spettacolo nazional-popolare che va tutelato e rispettato. Ci dispiace quando questo diventa una tribuna per monologhi radical chic, di personaggi anche brillanti come Bisio e Baglioni, che fanno parte della cultura popolare, ma con una forma di umanitarismo ben retribuito. Ricordiamo gli ingaggi di Baglioni e Bisio, l’Italia è un paese libero e il diritto di satira e critica è garantito, ma sappiamo quanto questo buonismo abbia causato tragedie infinite tra sfruttamento e schiavismo, ha non a caso commentato poco fa all’Adnkronos il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, capogruppo della Commissione Cultura e componente della commissione Vigilanza Rai, all’indomani della prima serata del Festival di Sanremo, commentando il monologo di Claudio Bisio su migranti. «Non c’è niente di più razzista della visione umanitaria e radical chic di una certa sinistra culturale, che vede gli africani non indipendenti e protagonisti del loro riscatto bensì servitori, maggiordomi dell’Occidente ricco», conclude Mollicone riferendosi poi al passaggio di Bisio sugli immigrati con «pentolone» a cantare «hakuna matata»…

Pollice verso ai Negrita, promosso a pieni voti «per stile, eleganza e contenuti» Cristicchi

E ancora: lo stesso Mollicone soprassiede, in qualche modo, sulle «défaillance» tecniche (tipo le scene vuote o il problema tecnico per Patty Pravo), cose che, sottolinea l’esponente di FdI, «visto il costo di gestione, non ci si aspetta da Sanremo, ma da trasmissioni più amatoriali. Certo può succedere, è imbarazzante che succeda a Sanremo con i costi tecnici dei service», ma può succedere… quello che semmai trova più inappropriato Mollicone, è che una canzone anche bella «musicalmente» come quella dei Negrita, I ragazzi stanno bene, proponga un testo che il capogruppo della Commissione Cultura e componente della commissione Vigilanza Rai, all’indomani della prima serata del Festival di Sanremo dichiara di non condividere nella maniera più assoluta. «Non trovo romantico, ma profondamente drammatico esaltare il viaggio dei migranti come quello della speranza. Si tratta in realtà di un viaggio dello schiavismo». E allora, conclude Mollicone, mi aspetterei semmai che «qualcuno di questi gruppi progressisti proponesse una bella canzone contro i nuovi schiavisti che sfruttano i migranti e la popolazione africana vendendogli viaggi a caro prezzo e facendo morire centinaia di persone»… Infine, tra tante sottolineature in negativo, la disamina di Mollicone finisce con un plauso, indirizzato meritatemente a Cristicchi e la suo brano in gara al Festival, Abbi cura di me, che l’esponente di Fratelli d’Italia promuove su tutta la linea: «mi piace per stile, eleganza e contenuti».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza