La figlia di Peveri: «Mio padre condannato, questa non è giustizia»

lunedì 18 febbraio 20:15 - di Aldo Garcon

«Sapevamo che tutto questo sarebbe potuto succedere, ma non ce l’aspettavamo». Lo afferma all’Adnkronos Martina Peveri, la figlia 25enne di Angelo Peveri, l’imprenditore che il 6 ottobre 2011 sparò con un fucile a una banda di ladri sorpresi a rubare nel suo cantiere di Borgonovo Val Tidone (Piacenza) ferendone uno e che è stato condannato in via definitiva a 4 anni e sei mesi per tentato omicidio. A questo punto «è difficile avere fiducia nella giustizia, ma è giusto crederci», sottolinea. La figlia ripercorre la vicenda giudiziaria lunga otto anni: «In primo grado a Piacenza il pm aveva chiesto una pena a tre anni e sei mesi per mio padre e a due anni e due mesi il dipendente, ma il giudice ha ritenuto che quattro anni e sei mesi per mio padre e quattro anni e due mesi per il suo dipendente fossero le pene più adeguate. Poi a Bologna la sentenza di secondo grado ha confermato la pena».

«Abbiamo fatto ricorso in Cassazione e il procuratore generale aveva chiesto il rinvio del processo al secondo grado di giudizio in un’altra sezione, ma i giudici non ne hanno tenuto minimamente conto confermando la sentenza definitiva», continua Martina Peveri. Ora la famiglia attende le motivazioni della sentenza. «Aspettiamo e vedremo come muoverci», continua la figlia dell’imprenditore. Nel frattempo i ladri hanno patteggiato una pena di dieci mesi. “Ci stupisce”, sottolinea Martina Peveri dicendosi però ancora “più stupita” del fatto che, nel processo a suo padre, la richiesta del procuratore generale della Cassazione non sia stata ascoltata.

E poi ancora: «Mio padre non è un delinquente, è una persona normalissima. È vero, abbiamo subito diversi furti e chi non sarebbe esasperato. Ma mio padre non ha sparato per l’esasperazione: il colpo è partito accidentalmente, è stato un incidente, non voleva sparare». Insieme a Peveri è stato condannato per concorso in tentato omicidio anche un suo dipendente romeno: «Mi preme che se ne parli. È un dipendente che lavora da anni con mio padre, abbiamo fiducia in lui». «Immediatamente dopo che il colpo è partito – spiega la figlia dell’imprenditore – mio padre ha contattato i soccorsi». Se il ladro è ancora vivo è proprio perché Peveri «ha chiamato subito i soccorsi mentre il dipendente gli tamponava la ferita». Se avessero voluto ucciderlo, osserva la ragazza, non si sarebbero comportati così.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Lucas 18 febbraio 2019

    Si continua ad inviare messaggi di impunità a rafforzare la confidenza dei malavitosi e la frustrazione delle persone civili. D’accordo sul non incoraggiare gli eccessi di difesa senza però arrivare a ribaltare le parti tra guardie e ladri. In questo caso noi cittadini dovremmo mettere in atto una civile ma perentoria protesta di piazza nei confronti della magistratura. Meno proclami ideologici e più serietà e professionalità: velocità dei processi e certezza della pena.

  • In evidenza

    contatore di accessi