Fico pronto a mobilitare i suoi: basta con i ricatti della Lega, o il governo si raddrizza oppure…

mercoledì 20 febbraio 11:19 - di Redazione

Quel 41% di contrari a salvare Matteo Salvini dal processo chiesto dal Tribunale dei ministri è il dato da cui ripartire per la fronda che non gradisce la leadership di Di Maio e l’appiattimento sulla linea della Lega . Lo spiega Luigi Gallo, deputato vicino a Roberto Fico, in un’intervista su La Stampa, e i toni risultano assai bellicosi: “Ci vuole più rispetto per chi voleva restare coerente con i nostri principi e dire sì alla richiesta dei magistrati: quel 41% è, insieme ai risultati delle regionali in Abruzzo, un campanello d’allarme che suona e che dice che dobbiamo raddrizzare il governo”. L’identità grillina è a rischi, tuona Luigi Gallo, e “ha pesato il fatto di essere sotto ricatto della Lega”. Quindi i ribelli che fanno capo a Fico si danno le loro scadenze e i loro obiettivi: “Non si può andare avanti con continui ricatti. Salvini ha nella Lega la sua organizzazione militare, noi siamo un’altra cosa: un movimento partecipato che deve ricominciare a confrontarsi”. La mission è quella di “far pesare i nostri temi” anche e soprattutto sull’immigrazione, tema che sta particolarmente a cuore a Roberto Fico ma sul quale sarà davvero difficile uno scontro radicale tra M5S e Lega. Se questo è ciò che emerge dal dibattito interno al M5S c’è da immaginarsi cosa veramente si agita negli animi dei grillini “identitari”…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi