«Devono morire di fame»: sul web, tra insulti e minacce, la furia grillina contro gli abruzzesi e i vertici 5S

martedì 12 febbraio 10:25 - di Chiara Volpi

Grillini sull’orlo di una crisi di nervi: a nemmeno 24 ore dalla debàlce elettorale in Abruzzo, costretti a incassare la sonora sconfitta inflitta con una vittoria plebiscitaria dal centrodestra e da Marsilio, dai vertici movimentisti alla base, passando per quelli che un tempo erano fedeli elettori, è tutto una recriminazione, un insulto, un apocalittico ammonimento. E sono tutti contro tutti: questa è l’unica certezza del momento.

Sul web un profluvio di insulti e minacce della base grillina contro gli elettori abruzzesi

Delusi, amareggiati e furenti, grillini in parlamento e semplici elettori, su una cosa sono d’accordo: nel prendersela, con toni aspri e parole dure, con gli elettori abruzzesi. Commenti al vetriolo e malefici augurati in calce ad accuse e recriminazioni, come riporta in queste ore, tra gli altri, il sito di Repubblica, «i grillini usano le pagine Facebook per scatenare la propria delusione e frustrazione» e al grido di tutti contro tutti, «basta fare un giro sulle pagine ufficiali dei 5 Stelle per trovarli, con spesso centinaia di like che sembrano dimostrare un disagio diffuso». Un disagio che però, tra parolacce e insulti, tralascia “stranamente” di criticare le scelte dei vertici sulla campagna elettorale e che, iniettando veleno in ogni parola postata sui social contro i cittadini abruzzesi che hanno bocciato alle urne il M5S, si affida poi solo a morbidi sfottò nell’inveire contro i sostenitori di altri partiti. Quindi, giù con improperi e minacce neanche tanto larvate, non prima, però, di aver individuato e bersagliato nemici interni a sinistra (Roberto Fico) e avversari (di governo) a destra (Matteo Salvini).

«Devono morire di fame», «vi meritate il peggio da sx e dx»: questo il tenore…

«Non fate più donazioni, tenetevi i soldi per voi», suggerisce un elettore deluso riferendosi alla propagandata restituzione degli emolumenti fatta dai parlamentari pentastellati. «Le autoambulanze che avete donato tornino indietro», rilancia un altro. E qualcuno gli risponde: «Si si bravi avanti così verso l’oblio…. bibitari alla riscossa». E poi, il più virulento di tutti, che tra indicazioni teoriche e più concrete istruzioni per l’uso post-sconfitta elettorale, auspica: «In quella regione devono morire di fame, con tutto quello che i 5 Stelle stanno cercando di fare per loro»: un augurio che, nelle decine e decine di post, commenti e tweet che “augurano” a tutti gli elettori abruzzesi «il peggio da sx e da dx», suona come la più offensiva e la più grave. E pensare che ha raccolto pure quasi 200 like…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Lisetta 13 febbraio 2019

    Mi auguro sia una bufala perché se fosse vero bisognerebbe indagare queste persone perché pericolose per il nostro paese.

    • Francesco Storace 13 febbraio 2019

      purtroppo non lo è

  • rino 13 febbraio 2019

    Il peggio della sinistra, questi sono i 5 stelle. L’odio di classe resiste in un popolo ignorante.

    • Francesco Storace 13 febbraio 2019

      in effetti…

  • Giuliana 12 febbraio 2019

    Andate sul profilo di Marco Dattilo che augura agli abruzzesi la neve ad agosto ed il terremoto tutto l’anno o di usare le ambulanze donate dai 5S tutti i giorni!
    Nessun vertice 5S ne’ la candidata Marcozzi ne hanno preso le distanze!

    • Francesco Storace 13 febbraio 2019

      Sono animali, grazie Giuliana

  • Alessandro Montoneri 12 febbraio 2019

    Ma andate a cagare, voi e i vostri articoloni dai titoli sensazionalistici. Basta un cretino, perché di ciò si tratta, che spara a zero su chi non ha votato un determinato partito per legittimarvi a scrivere parole come “furia grillina”? Siete davvero patetici, anche più dell’autore degli insulti da voi attribuiti a tutto un movimento

    • Francesco Storace 13 febbraio 2019

      Complimenti per l’educazione

  • roberto 12 febbraio 2019

    questa è la maturità di costoro

  • In evidenza